Translate

Cerca nel blog

martedì 30 giugno 2015

DAX FIB SP € 1-7-15

Dopo il lunedì in crollo (evidentemente una 3) e il tentativo di rimbalzo di oggi (probabilmente una 4), a occhio potremmo essere intorno alla fine della prima onda.

Quest'idea trova conforto nel conteggio sul DAX, che resta il più pulito, dove avremmo un target intorno a 10800 con rimbalzo a 11300.

Al limite, potrebbe anche aver terminato proprio il ribasso con una y in 5, ma siamo lontanucci dai target previsti per cui ritengo si tratti di una prima onda.

Il Fib potrebbe avere un comportamento simile, per quanto la lettura sia infinitamente più difficile, con target intorno a 21900 e rimbalzo a 23000.

Lo sp500 mostra qualche segno di rallentamento sul brevissimo per cui potrebbe allinearsi, in fondo siamo vicini ai 2040 pronosticati come primo target.

Nel contempo, sul lungo termine, vi invito a guardare i grafici mensili, gli indici americani hanno disegnato delle candele negative, dalle quali si potrebbe pensare che la manfrina greca sia destinata a prolungarsi oppure ci sarà qualche altra sorpresa.

Anche l'EURUSD sembra aver completato la prima onda ed anche la relativa correzione, al peggio dovrebbe tornare sopra 1.145, non si può dire in che tempi, essendoci le scadenze delle opzioni il 2/7 dipenderà sempre dai big money.

30-6-15

A giudicare dalle chiusure su tutte le borse direi che il ribasso deve continuare.

In questo momento il grafico più pulito mi sembra quello del DAX, che ha disegnato una precisa X e ripreso il ribasso, dovrebbe quindi arrivare in 3 o 5 onde a 9900/10000

L'eurusd ha disegnato la stessa ipotesi e rimbalzato di forza già sul rintracciamento del conteggio alternativo, come per le borse vedrei una continuazione del ribasso, qui vedrei il rialzo, data la notevole forza.

Brutta la situazione dell'oro e metalli, che si son mossi poco, nonostante il fly to quality e la discesa del dollaro.

domenica 28 giugno 2015

29-6-15

Ed ecco il colpo di scena, la Grecia si ritira dalle trattative, o meglio probabilmente i leader greci hanno comprato tante put venerdì e han pensato che al peggio si ritiravano miliardari, mentre politicamente han deciso di lasciare la decisione a un referendum, scaricando così la responsabilità.

Troppo facile dare per scontato la negatività dei mercati, direi che sicuramente ci sarà all'apertura di lunedì, ma non è affatto detto che prosegua indefinitamente, anche perchè il suddetto referendum si terrà la prima settimana di luglio e nel frattempo la BCE ha deciso di non sospendere i fondi alle banche greche. Vedremo presto quanto è concreta la volontà dei greci di non uscire dall'EURO, tanto sbandierata su tutti i media.

D'altro canto non capisco perchè il default del paese sia incompatibile con la permanenza nell'EURO, anzi una volta stabilito un concordato dovrebbe essere più facile attenersi ai parametri UE.

Cerco cmq di analizzare i grafici come non fossi a conoscenza della notizia.

Osservando le altre borse europee, come il DAX, bisogna constatare che non solo il recupero non è stato lontanamente simile a quello italiano, ma su di esse l'ipotesi ribassista non è stata ancora nemmeno messa in discussione.

Sul dax per es. il recupero può ancora essere tranquillamente sia una X che la 2 di una y, e se si andasse giù in pesante gap down quest'ultima idea aumenterebbe le sue chances.

L'Italia avrebbe ancora valida l'ipotesi x se guardassi al Comit, o non considerassi la rettifica da dividendi, ma non voglio cercare scuse, quindi per vostro dispiacere, semplicemente la trascurerò, sebbene abbia rotto il max e si dovrebbe propendere per un rialzo, non mi convince e come ho detto più volte non vedo perchè infilarsi in questo tunnel quando altri indici sono più semplici da trattare.

Lo sp500 non è riuscito a segnare un nuovo massimo e successivamente ha ripiegato, si muove da mesi in sequenza da 3 onde ed è quindi impossibile dedurne una direzione, ma possiamo invece fornire i primi target, che restano 2040 in caso di discesa e 2150 in caso di salita. Senza la big news avrei detto che venerdì era finito il rintracciamento, perfetto in relazione all'ultima salita, e che si sarebbe andati al rialzo. Certo che è da considerare anche il sentiment, risalente al close di venerdì un po' troppo positivo.

L'EURUSD, dopo il break del canale ascendente, ha corrisposto alle attese, sebbene non abbia raggiunto il target indicato, magari lo farà all'apertura, quindi dal target di 1.11/1075 dovrebbe risalire a 1.133 (se una 2 di ripresa del ribasso) o allungarsi verso gli 1.17 come da precedente ipotesi.

Infine Oro e argento, rasentano la rialzista di medio, anzi l'argento è anche leggermente sotto, se devono salire sarebbe proprio il momento di muoversi. Sarebbero anche abbastanza in sintonia col rame, che sta recuperando dai minimi e col platino che potrebbe aver segnato un minimo di lungo, su quest'ultimo vedrei un target a 1310.

giovedì 25 giugno 2015

25-6-15

Purtroppo stasera non ho tempo quindi la faccio breve. Fib che sia la x, come previsto o una 1 dovrebbe aver completato il movimento, per cui nel primo caso riprendere il ribasso, nel secondo correggere per la 2 con target 23000/22500

SP500 dagli internals direi che la discesa non è finita, se deve ripartire al rialzo per 2150/75 dovrebbe almeno segnare un 2085 future

EURUSD ha completato sul recente max un ennesimo wxy, ora o ha ripreso il ribasso o sta disegnando una X a preludio di un altro wxy con target 1.17 circa.

La discesa per ora si legge chiaramente in 4 onde, dovrebbe terminare intorno a 1.11/1075 e poi risalire a 1.135 se correttiva.

Oro e argento hanno fatto lo schizzo previsto, ma è stato inferiore al precedente il che non è un buon segno, nel contempo il platino ha segnato un nuovo minimo (bottom finalmente?) e il rame sembra riprendere il rialzo (ottimo per FCX) chissà che non diano una mano all'intero comparto.

sabato 20 giugno 2015

22-6-15

E anche le scadenze di giugno sono passate. Nonostante tutto in America non è cambiato molto, da una valutazione degli internals resta il fatto che al momento i big non stanno partecipando al mercato, nè in una direzione, nè nell'altra. Hanno dato giusto un'aggiustatina in questi giorni per far chiudere le scadenza dove volevano, ma niente di più.

Inoltre il mercato si mostra alquanto contraddittorio, se il Russell ha segnato un nuovo massimo con un pattern bullish, altrettanto non può dirsi per NDX e SPX che hanno rotto la trend ribassista di breve, ma sono poi retrocessi velocemente, tanto da lasciare sul campo un ennesimo abc

Nell'immediato, mi aspetterei una tenuta al di sopra della trend rossa per qualche giorno, seguita da un ritorno al di sotto di essa e questo sarebbe un segnale negativo

Il fib, non ha rintracciato subito, come mi aspettavo, ma ha allungato un po' senza però raggiungere nessuno dei target previsti.

L'ideale per il pattern in corso sarebbe l'ultimo target a 23260 circa per poi riprendere il ribasso, per cui mi aspetto una continuazione del rialzo preceduta o meno da una piccola correzione.

L'EURUSD si mantiene all'interno del suo canale rialzista e finchè lo regge bisogna attendersi un incremento.

Questo il conteggio di medio per chi me lo aveva chiesto

Cmq con l'ultimo movimento il conto si è fatto un po' complicato, mi aspetto un target minimo a 1.146 il modo di arrivo o di passaggio di questo livello potrebbe fornire ulteriori indicazioni sulla prosecuzione o meno del rialzo. Sotto 1.12 si torna al ribasso

Nulla di nuovo sul petrolio che resta vicino ai 60$, ma ho notato che tutti i titoli del settore sono in discesa, Saipem in particolare tornata a 9, ricordo il target finale atteso di 6.

Circa i metalli, l'oro ha allungato un po' questa settiamna probabilmente per effetto del cambio e della FED, darebbe ora che rompesse la fase laterale portandosi sopra 1240$

L'argento è più debole, ma tiene la rialzista di lungo

Il rame, dopo un forte rialzo, ha corretto e ora sta lateralizzando, direi che prepara un nuovo rialzo.

FCX, per chi me l'aveva chiesto, summa di oro e rame riflette il comportamento dei due, dovrebbe muoversi se lo farà il sottostante.

Il platino, che da mesi indico come il più debole, ha segnato di recente nuovi minimi, resta il più debole, ma anche per lui sarebbe ora di una correzione al rialzo.

giovedì 18 giugno 2015

19-6-15

Per l'America dal movimento di oggi possiamo già concludere che avremo l'ennesima scadenza sui massimi, nonostante i mercati si siano mossi poco e niente, nel frattempo sono passati mesi da quando mi aspettavo una forte discesa, ma non s'è vista, salvo qualche piccola scaramuccia, il tempo in cui essa si sarebbe dovuta verificare è quasi terminato, il che significa che, se ci sarà, al massimo vedremo una correzione a 2040 o anche meno entro le prossime due settimane, successivamente diventano molto probabili nuovi massimi, che oggi il Russell ha anticipato, significa anche che l'eventuale piccola correzione sarà un'occasione d'acquisto

Sul fib (da oggi rettifico i valori per il future settembre) dobbiamo completare un rimbalzo, prima di scendere (insieme all'America?) a terminare la correzione sui target già indicati a 20000/700

Lascio sul grafico i due conteggi superstiti dopo la sessione odierna

Sull'EURUSD ho rivisto il conteggio di breve, nel peggiore dei casi, cioè se quella in corso fosse l'ultima onda del rimbalzo dovrebbe raggiungere 1.15

In alternativa questa dovrebbe essere solo la a di un ultimo movimento abc, prima di riprendere la discesa

L'oro ha guadagnato un po' di terreno negli ultimi giorni, ma deve rompere innanzitutto il range laterale portandosi sopra 1240 per avere un primo segnale positivo e in ogni caso, dai movimenti visti finora confermerei che si sta sviluppando una correzione al rialzo, che se avrebbe target ideale 1630, potrebbe anche accontentarsi di superare il precedente top a 1330

mercoledì 17 giugno 2015

18-6-15

Prima volta che la FED fa chiudere i mercati quasi invariati, siamo veramente all'assurdo.

Sui mercati USA nulla di nuovo, salvo un Russell che allunga ancora, ma senza rompere il massimo, cosa che sembra però inevitabile a breve.

Anche sul Fib non è cambiato nulla rispetto a ieri, però considerato che l'America ha tenuto e i movimenti di alcune azioni tra le principali tenderei a scartare le ipotesi che volevano un nuovo minimo immediato (la v di y verde o v di 1 lilla). Sarei quindi in attesa di una risalita verso uno dei target rossi sopra 23000

L'EURUSD dopo un iniziale cedimento ha tenuto il canale rialzista e si è portato sulla resistenza a 1.14 che dovrebbe rompere a breve.

Oro & c. hanno avuto anche loro una piccola spinta al rialzo, ma la vedrei solo come reazione alla variazione del cambio, nulla di decisivo.

martedì 16 giugno 2015

Fib 17-6-15

Premessa, la II di 3 non dovrebbe essere terminata per correzione insufficiente, siamo peròalla fine di una terza onda o giù di lì. Presumendo che la discesa debba continuare ci sono 3 possibili strade:

La terza onda è:

- una y ed è terminata - dovrebbe formarsi una X di grado superiore in tal caso i target ideali sono 23150-23450 (resistenze rosse) e si dovrebbe poi proseguire come da percorso rosso

- una y cui manca l'ultimo pezzetto a 21800 circa poi dovrebbe comportarsi in modo simile a quanto sopra con la x a 23060-23360 (resistenza verde) e percorso verde/rosso

- solo una 1 di y cui manca l'ultimo pezzetto a 21800 circa, poi dovrebbe formare la 2 a 23060 come da percorso lilla

Ci sarebbero altre possibilità, ma mi sembra inutile esaminarle considerato che tutto dipenderà dalla FED di domani sera. Certo siamo tendenzialmente sul finale di un'onda tenderei ai 21800, ma terrei pronto uno stop per rientrare short più in alto e visto il movimento americano al momento questa seconda ipotesi pare più concreta.

Lo sp500 ha rimbalzato come da attese e senza rompere i 2070 lasciando aperte tutte le possibilità.

Ecco i conteggi ribassista e rialzista rispettivamente in rosso e in verde

16-6-15

Non molto da aggiungere a quanto scritto ieri. Fib e l'Europa proseguono la discesa verso i target.

Sp500 è sceso, ma ha tenuto i 2070 lasciandoci ancora nel dubbio. Tirando a indovinare vedrei un rimbalzo a inizio sessione per poi ridiscendere e rompere il supporto. Mercoledì attendiamo la FED.

EURUSD continua il rialzo nel canale principale.

Al momento è il principale indicatore, se il fib non raggiungerà in giornata il target principale, mi aspetterei uno schizzo dell'Eurusd sulla FED con successivo arrivo sui target da parte dell'azionario, poi potrebbero anche correggere all'unisono in senso inverso

Oro & c. hanno allungato leggermente secondo le attese.

domenica 14 giugno 2015

14-6-15

Rispetto all'ultimo post, lo sp 500 sembra aver delineato il percorso verde ne avremo conferma a rottura dei 2070 indice, target probabile 2040, più difficile entro le scadenze 1980/2000

Il Fib ha segnato perfettamente il rintracciamento indicato a 23440 per poi riprendere la discesa, il target di questa onda vorrebbe una y chiudersi intorno a 21800/900

N.B. questo wxy dovrebbe essere, come dicevo, solo il primo movimento, si dovrebbe poi proseguire con una X di grado superiore (di nuovo sopra 23000) e successivamente una nuova wxy verso i 20100/800, ma tutto questo lo vedremo/confermeremo poi.

L'EURUSD si trova in una situazione simile, ma inversa, al momento potrebbe proseguire il rialzo nel canale in cui si trova o appoggiarsi prima a 1.10/105 e poi proseguire, il target minimo resta 1.155 e il probabile 1.172

L'oro per ora conferma il minimo della settimana scorsa, saremmo in attesa della sua partenza al rialzo.

Per il petrolio mi attenderei invece un discreto ribasso.

venerdì 12 giugno 2015

12-6-15

Su entrambi i continenti dovremmo aver completato 5 onde al rialzo, di conseguenza nel brevissimo si dovrebbe scendere, sarà poi da vedere se sarà una correzione del rialzo o ripresa del ribasso.

Ovviamente per il nostro conteggio principale si dovrebbe rompere l'ultimo minimo, il massimo a 23440 è stato indovinato quasi al centesimo.

EURUSD dovrebbe invece aver completato una correzione e riprendere il rialzo.

giovedì 11 giugno 2015

Sp500 Fib 11-6-15

A quanto abbiamo visto negli ultimi giorni, si è completato un movimento in ABC, il seguito di questo è il più difficile da identificare, perchè potremmo avere un nuovo impulso che porti a nuovi massimi, o un una controcorrezione x che può essere sia in 3 (abc) sia in 5 onde.

Ora se per lo sp500 è ancora tutto possibile, per il Fib stante i conteggi precedenti propendo più per le ipotesi correttive, per il Dax avremmo un possibile ritorno a 11900, ma mi sembra incompatibile con gli altri.

Questa situazione è tipica dei giorni che precedono le scadenze, l'ipotesi che si svilupperà dipenderà da quale sarà gradita ai BIG ed è impossibile determinarlo a priori.

Supponendo che vadano insieme, per entrambi direi un altro po' di rialzo e poi nuovo minimo.

EURUSD continua nel suo canale rialzista diretto a 1.17 circa.

GOLD sembra confermare correzione finita nei giorni scorsi e rompe il canale ribassista di breve.

martedì 9 giugno 2015

Fib 10-6-15

Innegabile oggi un certo rallentamento della discesa, ma non è detto che sia terminata.

Abbiamo 3 ipotesi principali - onda 4 da terminarsi ai 22800 previsti e conseguente 5 a 22200 (verde); - onda 4 terminata sul picco di oggi e conseguente 5 da farsi a 22150 (rosso) (lo so che ho scritto 23150 sul grafico,ma non posso correggere); - discesa terminata in abc e risalita immediata (azzurro); Per tutti i casi si prospetta una II intorno a 23200

lunedì 8 giugno 2015

9-6-15

Target raggiunti su sp500 e Fib, ora se ho indovinato e qui si rimbalza, bisognerà poi vedere cosa seguirà.

Sul fib se la 3 è terminata il target di 4 è 22950, lo sp500 potrebbe addirittura ancora segnare un nuovo massimo per cui non mi sbilancio.

L'EURUSD ha immediatamente ripreso il rialzo come da attese.

Domani quindi possibile rimbalzo.

domenica 7 giugno 2015

8-6-15 Europa giù, USA ?

Il titolo riassume gli sviluppi della settimana. Le borse europee hanno ormai evidenziato un dowtrend, la meno peggio è proprio la borsa italiana. Gli indici americani si sono adeguati, ma su questi ultimi gli internals suggeriscono che ancora non sono presenti i big ad imprimere in modo deciso una direzione, per cui non ci sarebbe da meravigliarsi di una risalita e perfino di nuovi massimi sia pur limitati.

Cominciamo dal Fib, sul lungo periodo non è cambiato nulla abbiamo un target atteso a 20100/800

Sul breve venerdì abbiamo avuto il gap dowm previsto che ha confermato la discesa.

Come ho scritto nei commenti, a 22600 c'è un supporto importante, per cui, tirando a indovinare, si potrebbe rimbalzare, conseguentemente la terza onda potrebbe terminare qui. In tal caso trattandosi di un movimento correttivo potremmo avere una 4 con termine del primo movimento a 22440 (linea rossa)

oppure si potrebbe rimbalzare più consistentemente con sviluppi di 3 onde in 3 onde (linea verde)

Se l'Europa si comporterà come previsto, è probaile che nel premercato il future dello sp500 potrebbe completare l'onda in corso.

Perchè parlavo di un possibile nuovo massimo sull'America, perchè il conteggio sullo sp conserva la possibilità che la correzione in corso sia praticamente terminata, così come il Russell se conserva il conteggio ribassista, mostra anche un'inusuale forza.

L'EURUSD ha reagito pesantemente ai dati americani di venerdì, ma dovrebbe trattarsi soltanto di una correzione nella correzione, il target ideale è a 1.174, ma quantomeno si dovrebbe superare il punto w.

Oro & c. con l'affondo sugli stessi dati hanno mutato il conteggio, ma dovrebbero aver anche completato la correzione.

giovedì 4 giugno 2015

5-6-15

Il fib segue le notizie sulla Grecia e semina un po' di incertezza, ma la tendenza è stata negativa per tutta la sessione, altrettanto può dirsi per l'America che per la prima volte in mesi non chiude subito il gap lasciato all'apertura, tutti gli indici han dato inoltre un segnale negativo chiudendo nei pressi dei minimi di giornata. I conteggi restano un po' anomali sugli indici americani, salvo il russell che ha solo allungato un po' per poi ritornare subito sui suoi passi mantenendo invariato il conteggio ribassista. Per lo sp500 posso solo indicare i prossimi supporti 2065/70 che dovrebbe essere raggiunto a breve e il successivo a 2030/40.

Sul Fib ho esaminato varie ipotesi, ma il seguente è l'unico conteggio rimasto.

Onda I non lascia leggere le onde interne, ma il successivo rimbalzo, sebbene proprio al limite è un po' troppo per essere una iv interna, così preferisco classificarlo come II, conseguentemente dovremmo essere in III di C? con possibile apertura in gap down domani, presumo che la discesa possa subire una sosta sui 23000, supporto e cifra tonda, ma dovrebbe proseguire.

Problema per domani il sentiment molto ribassista, sono curioso di vedere se funziona contrarian anche stavolta, visti gli evidenti segni negativi

martedì 2 giugno 2015

shuffling 3-6-15

Sessione di gran mescolamento di carte, cui contribuiscono voci incontrollate di accordi sulla Grecia che poi si rivelano essere semplici proposte, meno male che fanno almeno delle proposte.

Su queste voci l'EURUSD schizza in alto e quasi raggiunge il target principale a 1.1225, dal grafico direi che c'è ancora spazio, ma da qui a dire se si arrivi a 1.18 è estremamente difficile, basterebbe una disdetta delle predette voci per riportarlo al punto di partenza, vedremo come si comporterà in zona 1.12/13

Ho notato che in contemporanea o in conseguenza del suddetto schizzo, si sono mossi bene molti titoli legati alle materie prime, oro petrolio e acciaio, di solito il movimento dei titoli legati all'oro anticipa il movimento del sottostante...vedremo

Mentre il DAx ha seguito perfettamente il copione continuando il suo ribasso, il fib ha rimbalzato e anche consistentemente, tale rimbalzo è molto anomalo, ma cmq tentando di indovinare, qualificherei il rimbalzo come una X quindi la discesa dovrebbe continuare, come previsto.

Cosa stia combinando l'America non lo sa nessuno, con oggi sullo sp500 si può notare una serie di massimi decrescenti, che, nel contempo non hanno gran significato, potrebbero essere una flag cui manca una test al rialzo di 2130 circa, o solo l'inizio della discesa attesa.

Il Russell in pratica non ha modifiche al suo conteggio, ma la linea bianca acquisisce sempre maggiore importanza come stop.