Translate

Cerca nel blog

sabato 14 dicembre 2013

USA Bund Fib 16-12-13

Cominciamo con il bund, questa settimana in laterale, ma coerente con l'attesa 4 blu

L'EURUSd ha raggiunto la zona 1.38 e rintracciato, ma dovrebbe avere ancora un po' di strada da fare

Un'occhiatina all'argento, per constatare che prosegue nel movimento atteso.

Passiamo agli indici americani
Scrivevo qui il 5-12 che erano attesi massimi per il Nasdaq a 3520 e per lo sp in doppio massimo a 1812, con minime approssimazioni si sono realizzati entrambi i target, per cui ho una certa fiducia nel conteggio di breve portato avanti.Ne consegue che da detti massimi sia partita una prima onda correttiva/ribassista, detta onda potrebbe anche essere terminata visto che da un paio di sessioni si "traccheggia" nella stessa zona, per cui potremmo rimbalzare a 1795/3495 prima di un nuovo affondo forse sulle notizie del tapering/non tapering della settimana prossima

Tuttavia un quadro particolare sugli USA possiamo averlo dal Russell 2000, che con l'ultimo rialzo non è riuscito a superare il massimo precedente e con una distanza tale da non lasciarmi convinto della possibilità di un "doppio massimo", su tale indice vedrei quindi già 3 onde complete a scendere. Ne discendono 3 scenari: 1) Negli ultimi giorni tale indice si è mostrato più forte e potrebbe aver anticipato il rialzo degli altri, con tre onde complete alle spalle prospetterebbe nuovi massimi (linea verde) 2) il rimbalzo degli ultimi giorni potrebbe essere una quarta onda, si prospetta quindi prima un affondo per onda 5 e poi un rimbalzo per onda 2 or B di grado superiore (intorno a 1120), infine un nuovo affondo (linea rossa). Questa possibilità viene meno se il rimbalzo in corso supera la barriera rossa dei 1112 3)Le tre onde potrebbero doversi interpretare come una A completa e una prima parte di C per cui avremmo anche qui un rimbalzo a 1120 circa seguito da un nuovo affondo

Ora l'indice di casa nostra, il piccolo minimo aggiunto durante questa settimana sembra cambiare un po' le carte in tavola, in quanto sembra di contare 5 onde al ribasso, qui l'idea che possa ancora essere in campo la 4 verde ipotizzata la settimana scorsa è fortemente messa in dubbio e restano, invece 2 scenari principali: 1) a 19500 si è chiusa un'onda C e potremmo crollare su nuovi minimi assoluti, tuttavia, questa idea non mi pare al momento compatibile con le notizie di fondo di una ripresa europea appena agli inizi 2) qualcosa è stato completato, forse una prima onda di estensione al rialzo, in tal caso la discesa dovrebbe essere una A, quindi dovremmo prima rimbalzare per la B, il target ideale sarebbe a 18900, ma la debolezza vista nelle ultime sessioni mi lascia dubbioso su questa possibilità, tenete presente che il previsto rimbalzo della settimana scorsa si è limitato al primo target possibile, quindi mi aspetterei più un 18500/700. Considerate anche il ristretto range temporale in cui dovrebbe realizzarsi e cioè in contemporanea al rimbalzo previsto in America. Successivamente dovremmo avere la C, anche questa in contemporanea a una discesa al di là dell'oceano, il cui target ideale si pone a 16500. La tenuta di questo livello manterrebbe l'impianto generale al rialzo.

Circa i titoli mantengo opinioni negative su saipem e mps, su pmi uscirei in caso di rimbalzo intorno a 048/50. Intesa e UC si son mantenuti forti, paradossalmente potrebbero anche segnare nuovi massimi sull'ipotizzato rialzo. Mediaset e MEdiolanum sono vicine a punti ideali per tentare un ingresso. Eni potrebbe rimbalzare a 17.5, ma è messa maluccio e Enel a 3.2. Questo dovrebbe essere l'ultimo post prima delle feste (salvo commenti intraday), quindi auguro Buon Natale e buon 2014 a tutti!! P.s. COME VOLEVASI DIMOSTRARE A QUESTI POLITICI INCOMPETENTI Fisco, gettito Tobin tax gen-ott ammonta a 159 mln - Tesoro 05/12/2013 19:46 - RSF ROMA, 5 dicembre (Reuters) - L'imposta sulle transazioni finanziarie, dovuta sui trasferimenti di proprietà di azioni e altri strumenti finanziari partecipativi e sulle operazioni su strumenti finanziari derivati ai sensi della Legge di Stabilità per il 2013, ammonta a 159 milioni di euro. E' quanto si legge nel Bollettino sulle entrate tributarie del Tesoro dei primi 10 mesi del 2013. Il primo versamento della Tobin Tax era in calendario per il 16 ottobre. Al momento di introdurre in Italia la tassa sulla transazioni finanziarie, l'allora governo Monti aveva stimato un gettito di circa 1 miliardo per l'intero 2013

mercoledì 11 dicembre 2013

Aggiornamento spx breve

Aggiorno quello che dovrebbe essere il conteggio dell'onda corrente sul future SP500 dic A mio avviso abbiamo avuto un'espansione di onda v di III completando quest'ultima a quota 1811.5, la momento dovremmo aver completato la IV col minimo a 1799.5, resta quindi da fare la V con target 1812/1815 Al di sotto di 1796 andando a invadere la I il conteggio verrebbe messo in dubbio.

sabato 7 dicembre 2013

Sp500 Fib bund EUR 9-12-13

Questa settimana la cosa più importante è stata la conferma del movimento atteso sugli indici americani, ovvero il nuovo massimo del Nasdaq, si veda il post di venerdì 6 di cui aggiorno il grafico. Al momento mi attendo un ripiego a 1797 per completare la IV e un top a 1810 circa.

Come scrivevo ieri l'improvviso crollo dell'Italia non mi è piaciuto affatto e la sua debolezza dell'ultima settimana è evidente, in particolare mi chiedo, prevedendo un top per gli USA lunedì stesso, come potrebbe l'asfittica borsa italica recuperare gran parte del terreno perduto? Tuttavia bisogna notare che nell'ultimo anno non sarebbe la prima volta che si procede a direzioni invertite, inoltre sul grafico il conteggio non è saltato, siamo arrivati al pelo sul confine della 1 verde, per cui la relativa 4 potrebbe benissimo starci, inoltre venerdì si è formato un hammer che promette un rimbalzo almeno di breve periodo (prime resistenze 18350 e 18500). Considerato l'affondo subito, il target della eventuale 5 verde c'è da attenderlo in zona 19500.Stopperei immediatamente eventuali discese al di sotto del minimo di venerdì.

Il bund mi ha fatto lo stesso scherzo dell'argento, dopo vari su e giù con tentativi short stoppati, ha rotto nella nostra direzione, direi però che a questo punti il conteggio è abbastanza evidente e si può entrare short avendo alle spalle numerose espansioni. Quindi short a 140/140.1 con stop 141.7 e target da decidere.

L'eurousd inspiegabilmente sull'uscita di buoni dati sulla disoccupazione USA e il conseguente avvicinarsi del tapering si è rafforzato sempre di più. Graficamente sembra evidente un impulso di breve al rialzo con target almeno oltre 1.382

venerdì 6 dicembre 2013

Sp500 6-12-13

Come dicevo a inizio settimana mi aspettavo un target di massimo per il Nasdaq 100 a 3520, al momento è stato segnato un 3510 ma non escludo che ci si possa arrivare. Per lo sp prevedevo un doppio max a 1813 circa partendo dal minimo segnato ecco come vedo il conteggio di brevissimo di questa "presunta ultima" onda, che dovrebbe finire di svilupparsi per lunedì.

N.B. il grafico è del Future scad dicembre incluse le sessioni fuori mercato, ma non ha molta importanza per il conteggio E' chiaro che l'eventuale break del punto ii anche senza il completamento del conto, presupporrebbe un avvenuto completamento in failure e l'avvio della discesa.

domenica 1 dicembre 2013

Fib bund USA 2-12-13

Come anticipato la settimana scorsa il nostro indice ha avuto un piccolo recupero sugli USA proprio durante il ponte del Thanksgiving, peccato che sia andato quasi tutto sprecato nelle ultime ora di venerdì. Tuttavia il conteggio di medio sul FIB resta invariato rispetto a quanto proposto la settimana scorsa e vedrei come segue quello di breve.

TAle conteggio è compatibile col target prospettato dei 19900 prima di un'altra correzione ed è facile prevedere una corsa agli acquisti al superamento di 19200 che dovrebbe portare immediatamente a 19500, ed ulteriori acquisti in caso di rottura di quest'ultima quota che potrebbero anche superare il target.

Il bund, contrariamente alle aspettative ha recuperato gran parte del terreno perduto, superando anche la prima linea di stop, il che mi porta attualmente a classificarlo in fase laterale con imprevedibilità sulla direzione, direi di lasciarlo perdere per un po', ma se proprio si deve mantenere una posizione le mie preferenze sono sempre per lo short, in America, l'idea che il tapering possa arrivare per dicembre ha già causato una discesa feroce del bond, se il bund regge è probabilmente sull'aspettativa di un qualche cosa di straordinario da parte di Draghi che causi la discesa dell'EURO, il che non esclude che sull'uscita della notizia si possa finalmente scendere.

Gli indici americani si sono comportati in modo diverso tra loro: Il Nasdaq perennemente al galoppo, grazie alla rimonta di Apple; Lo Sp500 praticamente invariato, lasciando aperti i precedenti dubbi; Il Russel che conferma il conteggio illustrato precedentemente.

Si fa notare una salita del Vix in controtendenza che minaccia qualche discesa improvvisa.

Ora qualche titolo: PMI ha invaso anche se temporaneamente il livello 042 per cui cambio il mio conteggio come segue confermando una view negativa

MPS ha dato i primi cenni di crollo all'avvicinarsi dell'ADC

SAipem resta sul confine del conteggio ribassista, niente di nuovo

I conteggi di UC e ISP rispecchiano i leggeri progressi dell'indice

ENEL consolida in preparazione della prossima resistenza a 3.5/6

Mediolanum resta costantemente rialzista, quando si corregge scende poco e quando si sale è tra le prime, indubbiamente una tranquillità per i suoi possessori

Mediaset potrebbe rappresentare un buon ingresso, dal conteggio dovrebbe aver terminato la 4 verde o al peggio dovrebbe mancare un altro minimo entro i 3.2, si potrebbe entrare con stop 3.2 e target 4.3

sabato 23 novembre 2013

Fib Bund SP500 23-11-13

Questa settimana la azioni non hanno subito grosse variazioni quindi mi limiterò all'analisi degli indici. Giusto un paio di appunti su: Enel che ha consolidato praticamente senza correggere sul livello di 3.3 e quindi sembra pronta per dirigersi a 3.6. L'argento dopo averci fatto uscire qualche settimana fa ha ripreso il trend discendente che aspettavamo e sembra un'ulteriore conferma di rialzo per l'azionario.

Cominciamo dal Bund, il grafico di per sè è ambivalente, lascia incerti se manchi un'altra onda rialzista (4 blu) oppure se stia preparando un nuovo ribasso. Per pochissimo ieri non è saltato il conto rialzista, mentre quello ribassista sembra configurarsi con espansioni multiple, il che ci consente di entrare short e se già lo fossimo di abbassare lo stop a 141.62

Il fib, sebbene debole nelle ultime settimane, mi dà l'impressione di un consolidamento con recupero di forza nelle ultime sessioni, in fondo la trend principale non è stata rotta e l'ultima settimana si è sviluppata in laterale, secondo me si può andare long con stop 18535 circa, target ipotetico sempre 19900

Veniamo infine all'America, lo SP500 avrebbe completato il conteggio atteso, tuttavia a parte il solito ipercomprato non vedo segni di inversione al ribasso, inoltre l'affondo dell'ipotetica iv è stato piuttosto consistente, il che fa sorgere il dubbio che invece di una iv si trattasse di una 2 (conteggio in verde) di espansione.

In tal senso, cioè di un rialzo maggiore di quanto ci si aspettava mi pare di dover interpretare anche il russell2000, che se col rialzo precedente non era riuscito nemmeno a superare il top, l'ha fatto ieri e con una certa forza, implicando una probabile espansione della 5 verde su grafico daily. Il punto 1 blu poteva essere visto come una conclusione in failure con tanto di doppio massimo e implicazioni ribassiste varie, ma tale idea è stata letteralmente stroncata ieri.

In conclusione, sebbene il conteggio previsto si sia sviluppato completamente e sia in attesa di una correzione consistente, non mi sento ancora di aprire posizioni short sugli USA

Segnalo infine che tra il ringraziamento il 28 e il successivo ponte il 29, la prossima sarà una settimana monca, magari l'Europa potrebbe recuperare un po' del terreno perso rispetto agli yankees.

domenica 17 novembre 2013

Fib bund sp500 18-11-13

Questa settimana: Nessuna novità rilevante per il bund, ancora in bilico, fra il completamento di un'onda al rialzo e la ripresa del ribasso

Lo SP500 invece ha segnato nuovi massimi come indicato, ma l'evoluzione ci indica che l'attesa onda 5 si è sviluppata con un'espansione, per cui bisogna alzare il target atteso, che per ora stimerei a 1825.

Abbozzo dei conteggi di lungo per Russell e Nasdaq

Il nostro Fib ha invece mostrato debolezza relativa,come ha fatto sempre negli ultimi tempi, tuttavia non capisco l'eccesso di pessimismo che riscontro in giro, il pensiero comune è che non tenga i 18500/700 e lo si ritrovi presto a 18200 se non peggio, francamente, a parte la debolezza di cui si è già detto, mi pare che abbia fatto una regolarissima correzione, per di più senza intaccare il canale rialzista partito a giugno, inoltre negli ultimi tre giorni direi che ha sentito il supporto 18500/700 e potrebbe prepararsi per l'onda 5 verde con target 19900

Vediamo qualche titolo: UC e INTESA sembrano confermare la view sull'indice, noto che UC si mostra leggermente più forte

Mediolanum resta il miglior titolo, tranquilla nel suo canale rialzista, risente un po' della debolezza del mercato, ma cede il minimo indispensabile

Per Mediaset avevo indicato un target di correzione in zona 3,, ma i correnti 3.4 potrebbero essere sufficienti, con prospettiva per un prossimo target a 4.3/4

Infine per MPS e Saipem non è cambiato nulla, PMIO invece ha rotto quota 045 reimpostando un'idea negativa, ulteriore negatività sotto 0425, ne starei sempre lontano, il mio pensiero è ancora che vedremo nuovi minimi in occasione dell'ADC.

domenica 10 novembre 2013

Bund Fib SP500 11-11-13

Sono stato fuori per qualche giorno e non ho potuto aggiornare il blog, ma è curioso ritrovare gli indici esattamente dov'erano quando sono partito. Vediamo se ci sono stati degli sviluppi apprezzabili. Innanzitutto il bund si è portato, inaspettatamente oltre 142, raggiungendo il limite massimo del conteggio ipotizzato, che a questo punto diventa traballante, al momento lo vedrei ancora così, e si può andare short con stop 142.1

In merito al Fib, se il trimestre si è chiuso come previsto, non è certo un buon segno che ci abbia mostrato un minimo inferiore a detta chiusura, nel contempo il conteggio sembra ancora piuttosto rialzista, quindi vedrei l'ultimo minimo come un primo segno di indebolimento

I principali bancari mostrano ancora conteggi positivi, direi quindi che il target dei 20300 è ancora in prospettiva

Non è cambiato il conteggio di Saipem per quanto abbia allungato al rialzo e resta negativo quello di MPS, PMI che avevo classificato come incerta anche resta tale e tornerebbe negativa sotto 045

Gli USA sembrano ancora al rialzo con destinazione nuovi massimi così il Russell

ma anche lo SP500

Dallo sp500 direi che stanno per concludere un'ennesima onda rialzista, ma è davvero difficile distinguere tra le varie sottoonde, a seconda della ipotesi vedrei un target tra 1787 e 1800 di indice

domenica 27 ottobre 2013

Fib BUND Sp500 28-10-13

Questa settimana: - l'argento è andato in stop profit a 22.5 e per un po' lo mettiamo da parte in attesa di capire i prossimi movimenti.

- il bund ha raggiunto il suo target secondario a 141.2, se la salita è finita come previsto almeno temporaneamente dovremmo avere un primo target di discesa a 139.5 circa

- L'America mostra qualche segnale di ipercomprato, ma non ci sono elementi per dire che la salita sia terminata, inoltre le correzioni sono sempre minimali, al momento vedrei così il conteggio di breve

- Il fib ha corretto non poco, come tutto sommato ci si attendeva, manca poco all'ipotetico target dei 18600, ma il tempo sarebbe già perfetto per la chiusura del trimestrale di cui abbiamo parlato negli ultimi report. L'Italia è stata un po' più debole degli altri mercati, ma in sostanza la correzione potrebbe essere finita qui.

Questa idea è surrogata da alcuni titoli, soprattutto i principali bancari, come UC che mostra espansioni multiple e sarebbe già a target di correzione.

e ISP che ha corretto pochissimo

Infine un'occhiata al titolo che vedo peggio, sembra confermare l'impostazione negativa, potrebbe essere rivista solo in caso di superamente dell'ultimo massimo a 0.25 circa

domenica 20 ottobre 2013

Bund Fib Sp500 22-10-13

Il movimento del Bund questa settimana non mi è piaciuto, prima ha rotto al ribasso tutto quello che doveva e poi ha recuperato tutto e nonostante un mercato azionario positivo. Al momento vedrei due conteggi principali, ma entrambi tendenzialmente ribassisti. - La rottura è stata "autentica" e il recupero è da vedere come una 2 di ribasso (conto in rosso) - la discesa è sta una B, mancherebbe quindi un altro massimo intorno a 141.2, se ci arrivasse medierei la posizione.

Anche l'argento ha avuto uno strano recupero, è molto volatile e qui preferisco non fidarmi, abbasserei lo stop a 22.5 per mantenere il gain in essere, se dovesse prenderlo e poi ridiscendere pazienza.

Lo sp500 sembra avviato come al solito nella sua tirata unica, non ci sono state correzioni degne di questo nome, ora sia SP, sia NAsdaq sono a contatto con la trend superiore che vedono tutti, potrebbe, nel brevissimo, "sentire" il livello e andare a chiudere il piccolo gap lasciato venerdì

In ogni caso non mi aspetto correzioni superiori a 1720, molti titoli importanti che ho guardato hanno tutti un'impostazione rialzista che non sembra terminata, ed anche il conto di breve sullo SP lo vedrei più o meno così, nell'ipotesi peggiore, con una IV immediata e il vecchio target pronosticato a 1750/60

Sottolineo peggiore, il che implica la presenza di alternative più rialziste, per non parlare del Nasdaq che è di nuovo molto più forte.

Passiamo al Fib, non abbiamo avuto, causa notizie, il gap up pronosticato la scorsa settimana, ma a 19300 ci sono arrivati lo stesso pian piano e da qualche giorno stazionano lì intorno, è da notare, stavolta, una debolezza relativa rispetto agli USA forse per la chiusura trimestre che abbiamo conteggiato sui cicli e che dovrebbe avvenire la prossima settimana, da cui mi aspetterei una correzione anche violenta, nel peggior caso fino a 18600, ma potrebbero anche lateralizzare e ripartire violentemente dopo detta chiusura.

Ci sarebbe da notare il forte ipercomprato, ma era tale anche a 18000, per cui perde di rilevanza in questi frangenti, ma di certo prima o poi si dovrà sfogare.

Per ultimo qualche titolo.

Starei sempre lontano da Saipem e MPS e adesso anche da PMI che potrebbe aver raggiunto il suo target prima di un altro minimo assoluto.

Enel Ha raggiunto la sua prima resistenza importante a 3.3 circa, ma da qui a 3.6 è tutta una zona difficile, forse ci arriverà pian piano.

Segnalo anche Mediaset che ha praticamente raggiunto il target previsto a 3.9 e, se rispetterà il conteggio, potrebbe tornare in zona 3.

A parte quanto sopra gli altri titoli, specialmente i bancari, sembrano ancora molto rialzisti e più di una possibile breve correzione, non lasciano intravvedere. Per es. Mediolanum di cui non azzardo un conteggio di brevissimo, ma che si trova in un canale praticamente perfetto

o Intesa, il cui conteggio lascia pensare che ci sia ancora molta strada da fare