Translate

Cerca nel blog

sabato 24 dicembre 2011

Post Natalizio

A tempo perso ho cercato di capire dove potrebbe arrivare il previsto rally e, nonostante la situazione in Europa sia tutt'altro che rosea, mi pare che gli Usa si stiano dirigendo verso nuovi massimi forse col seguente conteggio. E la parte più importante dovrebbe arrivare a breve.
Una prima conferma l'avremmo sopra i 1300.

mercoledì 21 dicembre 2011

Nasdaq 21-12-11

E' partito il rialzo atteso secondo il conteggio principale



tuttavia siamo già in prossimità della principale resistenza/target dell'ipotesi alternativa



Per mercoledì ritengo probabile una prosecuzione del rialzo, operativamente dimezzerei le posizioni sulla resistenza e poi valuterei il da farsi.

Vi lascio con il rally promesso o con una sua approssimazione ;) e Vi auguro Buone feste, arrivederci a dopo l'Epifania.

domenica 18 dicembre 2011

Nasdaq 19-12-11

Venerdì sessione di scadenze tecniche, la chiusura non mi è piaciuta, specie in Italia, ma non ci sono stati break significativi, rimando quindi all'ultima ipotesi considerata


con una riserva, che deriva dal seguente ragionamento: la correzione sembra essersi sviluppata con una serie di tre onde, il che ci da' una buona probabilità nel considerarla correzione, ma nel contempo la rende difficile da leggere e quindi potrebbe prolungarsi ulteriormente la fase lateral ribasista di accumulo secondo lo schema seguente


Nel brevissimo per entrambi dovremmo avere un rialzo almeno in zona 2300

venerdì 16 dicembre 2011

Nasdaq e sp500 16-12-11

Il pessimismo è abbastanza dilagante e chi prima aveva certezze di rialzo ora ha solo dubbi, nel frattempo lo schema dell'ipotesi 3 sembra essersi completato, sia sul Nasdaq dove potrebbe mancare un altro minimo, ma anche essersi concluso in failure e cmq molto vicino ai 2200 identificati tempo addietro

sia sullo sp500, dove il conto sarebbe completo


E se domani parte il rally ricordatevi di fare un bel regalo di Natale al borsaro :))

martedì 13 dicembre 2011

Varie 14-12-11

E con oggi l'ipotesi 3 si concretizza su tutti gli indici, noto tutto sommato dei volumi bassi in questa discesa , così come sulla salita del bund.
Tuttavia il circondario è ancora semirialzista, forse ci vorrà ancora una o due sessioni per convincerli del contrario e ripartire.

lunedì 12 dicembre 2011

Nasdaq CAC BUND 13-12-11

Esclusa l'ipotesi 2, dato che gap up non ce ne sono stati, sembrerebbe che in Europa si sia verificata l'ipotesi 1, valida all'inverso anche sul bund


mentre sul Nasdaq sembra prendere piede l'ipotesi 3

sabato 10 dicembre 2011

Nasdaq CAC Bund 12-12-11

Abbiamo avuto l'apertura in leggero gap down, ma probabilmente mancava soltanto onda V come era più leggibile sul grafico future del CAC40, che trattando fino alle 22.00 incorporava anche i movimenti azionari USA, l'avevo guardato, ma non gli avevo dao la giusta importanza, in ogni caso la successiva poderosa salita, superando vari punti chiave, ha dato confermata che onda C è terminata. Quel che ne è seguito ha l'apparenza di una leading diagonal per cui potremmo avere ancora un rintracciamento a 3100/3120 (15000/200 sul FIB) prima di partire al rialzo.


Di questa interpretazione mi infastidisce che sia praticamente la più comune che si vede in giro, avrebbe cmq a favore un conteggio esattamente inverso presente sul bund, contro i volumi che non sembrano ancora sufficientemente importanti, ma sarebbero compatibili con un rintracciamento.
Quali possono essere le alternative? Beh ricordiamoci che si tratta dell'inizio di una 3 di 3/C quindi il top dell'impulso, non ci sarebbe da meravigliarsi di un'apertura lunedì in gap up e via, senza rintracciare per niente, si noti l'accortezza della chiusura di venerdì giusto in prossimità delle trend ribassiste sia per il CAC, sia per il Nasdaq

il che vale anche per lo sp500 e forse non è così giusto per l'indice nostrano.
Ultima possibilità, considerando che gl indici USA non hanno raggiunto i target ideali, potrebbe essere che la correzione non sia ancora terminata e destinata a svilupparsi nel seguente modo

Quest'ultima ipotesi viene meno sopra i 16200/2345/3250

In conclusione, vista l'ipotesi
- 1 in caso di rintracciamento lunedì per chi non fosse già dentro, ricordo che siamo di base rialzisti da lungo tempo, potrebbe essere l'ultima occasione di entrare a prezzi discreti
- 2 sul gap up si dovrebbe comprare al meglio per lo stesso motivo, non ci sarebbe più nessun ostacolo tecnico al rialzo salvo i masimi precedenti.
- 3 presumendo che in caso di iniziale rintracciamento si compri a causa dell'ipotesi 1, lo scopo dell'ipotesi 3 sarebbe di spaventare per far cedere detti acquisti, ma ricordate che lo stop tecnico va messo solo sotto i minimi relativi precedenti quelli di venerdì.

venerdì 9 dicembre 2011

Fib 9-12-11

il target indicato, ovvero il range alto del quadrato, è stato raggiunto oggi, avevo avvertito di aspettarsi qualche scherzetto all'Immacolata.
Ora dovremmo essere in piena III di C di 2 con probabile apertura in gap down, vista la chiusura oltreoceano, conseguentemente direi che c'è ancora spazio sia per qualche altro punto in meno sia temporalmente per la formazione della IV e della V anche se il tutto potrebbe avvenire in giornata.

mercoledì 7 dicembre 2011

Nasdaq, FIB e sp500 8-12-11

L'Europa oggi apre segnando un nuovo massimo e poi comincia la correzione attesa, detta correzione dovrebbe trovare il suo minimo tra qualche giorno, Per il nostro FIB il target si pone nel quadrato, ma considerando la forza latente dei mercati mi aspetterei trovasse base nella parte alta del range.


I mercati americani, nonostante l'iniziale negatività, hanno avuto ancora la forza di chiudere sulla parità, i movimenti si sono svolti finora sempre nello stesso range per cui ipotizzare un conteggio è piuttosto arduo.



Forse la situazione è più chiara, si fa per dire, sullo SP500 che epr ora sembra aver formato due serie di abc nell'interno di un rettangolo, considerando il rettangolo e considerando ce visto il primo abc tutti si aspettano un immediato break al rialzo, ne dedurrei che il break sarà al ribasso e considerando la maggior forza dei mercati usa, ma facendo salvo il target ideale del rettangolo dovremmo avere un target a 1220/5 sempre per lunedì/martedì-

sabato 3 dicembre 2011

Nasdaq& FIB 5-12-11

Per il momento sembra andare tutto secondo copione, si dovrebbe esser completata la prima onda e partito il rintracciamento a formare onda 2 che dovrebbe collocarsi per martedì in zona 2220/40.

Stessa situazione per il FTSE-MIB che dovrebbe rintracciare verso i 14500/800 sempre per martedì.


Per il nostro indice in verità c'è un'alternativa, secondo il seguente conteggio

quindi apertura in gap up e poi inizio di onda 2, il che potrebbe essere giustificato solo dall'uscita di qualche notizia particolare, cmq a questa alternativa non darei più del 25%, la principale mi sembra più lineare.
Considerando poi che tutta onda 1 è stata piuttosto forte mi aspetterei che il rintracciamento si limiti alla parte alta del range.

venerdì 2 dicembre 2011

NasdaQ e altri 2-12-11

Direi che in qualche modo giovedì sia terminata la 3 e sviluppata la 4 (scarsa tra l'altro).
Dico in qualche modo perchè il tutto non è facilemnte leggibile, ma tanto mi aspetttavo e i movimenti effettuati possono rientrarci.
Per venerdì mi aspetterei un ulteriore allungo per completare la 5 e poi un paio di giorni di correzione.
Attenzione ad un'eventuale apertura in forte gap up che potrebbe dar il via al sell off per la correzione.

mercoledì 30 novembre 2011

Nasdaq 1-12-11

Il rintracciamento di un'ipotetica 2 è stato fatto dai futures durante la notte e, viste le notizie uscite, abbiamo poi assistito ad una partenza a razzo.
Direi che l'unico conteggio possibile è il seguente

solo andando IMMEDIATAMENTE sotto 2240 si riaprirebbero delle prospettive negative.

Per il FIB il conteggio è lo stesso e saremmo in piena onda 3 di 1 di C
la prossima resistenza si pone a quota 16000 dove forse potrebbe terminare onda 1 di C.
Stavolta Europa ed America sembrano essere allineate, vedremo il seguito.

martedì 29 novembre 2011

Nasdaq e FTSE MIB 29-11-11

Oggi abbiamo avuto il rimbalzo previsto secondo entrambi gli schemi proposti, il problema adesso è che il prosieguo tra i due sarebbe un po' contraddittorio, ovvero per il FTSE MIB sarebbe previsto un altro minimo, mentre per il Nasdaq non più.
Sebbene un altro minimo per entrambi non si possa ancora escludere al 100%, considerato che il conteggio del Nasdaq100 ha, per il momento corrisposto in pieno alle attese

e che la 4 attesa sul FIB è andata abbastanza oltre il suo target

a questo punto ritengo più probabile che sia finalmente partita onda 1 di 3/C e quindi non dovremmo avere un minimo inferiore a quello di venerdì u.s.
e, visto il conteggio proposto sul fib, che al posto delle 123 rosse andrebbe collocato un abc e detta onda si sia completata in 3 movimenti.
Sono possibili altre varianti negative, ma le vedremo in seguito se sarà il caso.

domenica 27 novembre 2011

Nasdaq e FTSE MIB 28-11-11

Il Nasdaq ha raggiunto il target indicato e si incomincia a vedere una divergenza oltre all'ipervenduto, tuttavia mi preoccupa un po' che i rimbalzi siano stati tutti inferiori al dovuto quindi ritengo probabile la necessità di un altro piccolo minimo, magari dovuta a qualche sub onda che non si lascia contare bene. Si tenga sempre presente che il conteggio presume la tenuta del minimo precedente a 2050, in caso contrario sarebbe tutto da rifare.



Stessa presunzione e stessa situazione sul FIB per il quale vedrei un target di onda 4 di C a 14400 circa, anche se la chiusura USA non aiuta questa previsione. Anche qui dovrebbe comunque mancare un altro minimo...tra 3 giorni?

lunedì 21 novembre 2011

Nasdaq 22-11-11

A quanto pare la v di 3 è stata più profonda del previsto, non resta che adeguarci, ritenendo che sia terminaa si può calcolare un target per la 4 in zona 2250/60 e poi la 5 a 2150

sabato 19 novembre 2011

Nasdaq 20-11-11

onda iv si è svolta come previsto, il future ha toccato un massimo di 2290 proprio in premarket per poi scivolare lentamente su nuovi minimi.
A questo punto dovrebbe essere completata o quasi onda 3 di c di B (quasi perchè target ideale sarebbe 2240) e si dovrebbe ritornare a 2290/2300 per formare onda 4.
Attenzione perchè il completamento della 3, se necessario, o anche questa 4 potrebbero essere sviluppate durante il premarket di lunedì, al fine di creare un po' di incertezza.

giovedì 17 novembre 2011

Nasdaq 18-11-11

Gap down c'è stato anche se quasi impercettibile.
Dovrebbe essere ancora in corso onda iii di c di B/2 come si vede dal grafico.
la iv avrebbe un target ideale di 2295 circa e, attenzione perchè potrebbe svilupparsi durante il premarket, ovvero durante la sessione europea.

Nasdaq 17-11-11

A quanto pare non ho troppa immaginazione e le cose sono andate come avevo anticipato, anzi a giudicare dal Nasdaq direi che è pronto per lo scrollone di cui parlavo

Il grafico promette per oggi un'apertura in gap down.
Il quadrato indica la zona target, non dovrebbe essere difficile contare le 5 onde della c di B/2.
Per gli indici europei la situazione è molto simile, mi aspetterei un arrivo sui 14300 per il FTSE-MIB o cmq una quota inferiore all'ultimo minimo 14800 o 3000 per il CAC.

domenica 13 novembre 2011

Cac Nasdaq e Bund 14-11-11

Oggi più che un'analisi farò un po' di dietrologia.
Venerdì i mercati festeggiavano il nuovo governo italiano in cui han riposto tutte le loro speranze,...speranze appunto, si vocifera della famigerata patrimoniale come la panacea di tutti i mali d'Italia, ma di fatto non c'è ancora nulla di nuovo.
Trattandosi di un problema di liquidità e non di insolvenza, personalmente l'unica patrimoniale che potrei considerare accettabile/giusta sarebbe costituita da un investimento forzoso in un fondo costituito dallo Stato, dove ci si metta:
i famosi immobili da dismettere e le quote statali residue di ENEL, ENI, FINMECCANICA, BANCOPOSTA, ETC. Fondo che dovrebbe garantire anno x anno un dividendo e la restituzione di una quota parte dell'investimento, senza quindi svendere dette quote in un momento inopportuno e senza derubare, come al solito, i cittadini.
Tornando al punto precedente, i mercati venerdì sembravano festeggiare in anticipo e forti sono le attese per lunedì...non vi sembra tutto un po' troppo facile?
Ho idea che si possa aprire anche bene, ma che potrebbe seguire un rintracciamento di qualche giorno e poi perse le speranze finalmente ripartire.
Faccio un'altra premessa, mercoledì ho visto i BTP perdere il 5% in un giorno, evento a cui non avevo mai assistito, ma contemporaneamente a tale evento si può dire che l'azionario reggeva discretamente, gli indici saranno acnhe stati negativi, ma in una situazione del genere un mese prima avrebbero tranquillamente perso il 10%.
Da tutto ciò direi che l'azionario sta certamente accumulando nella zona 14000/16000.
Giovedì e venerdì entrambi i mercati hanno recuperato discretamente le perdite di mercoledì, tuttavia per i BTP pare che ci sia stato un massiccio intervento della BCE e per l'azionario ho potuto osservare volumi progressivamente in calo su tutti i mercati, ma anche sul bund che chiaramente era in discesa. Ora i volumi in calo potrebbero essere tipici della giornata semifestiva negli USA (venerdì era il Veteran's day con mercati aperti e banche chiuse), quindi non ci sarebbe nulla di scandaloso, ma non si ha certo l'impressione di tranquillità che potrebbe far salire senza esitazioni.
Mi sono messo a vedere se ci poteva essere un conteggio che aiutasse a prevedere le prossime mosse del "nemico" ebbene,
sul CAC40 che fino a qualche giorno fa era il più "pulito", a partire dal recente massimo riesco solo a vedere una serie di abc, dal che se ne deduce:
1) c'è una correzione in corso ed in quanto tale i minimi assoluti dovrebbero rimanere intatti
2) che tale correzione potrebbe essere terminata col terzo abc (poco sopra i 3000) oppure no, solo sopra i 3230 potremmo ragionevolmente pensare che sia ricominciato il rialzo


Il grafico del FTSE-MIB è molto simile, anzi paradossalmente migliore, molti di quelli che qui si presentano come abc, lì sembrano sequenze di 1-2, cmq sopra i 16000 ci si toglierebbe ogni dubbio.

L'idea che, contrariamente alle aspettative generali, si possa scendere nel brevissimo, trova una maggiore chiarezza nel grafico Nasdaq100 dove avremmo ancora il vecchio target a 2200 che dovrebbe completare la correzione.
Secondo il conteggio che qui segue

Conteggio che chiaramente salterebbe sopra i 2420.
Concludendo se la prossima settimana avremo la forza di oltrepassare i 16000 vorrà dire che ho troppa immaginazione, in caso contrario penserei all'ultimo scrollone prima di ripartire...un classico doppio pacco!

domenica 6 novembre 2011

CAC40 6-11-11

Al momento il conteggio che ritengo più attendibile è il seguente,

quindi con rialzo destinato a continuare, con prima conferma sopra il massimo di venerdì e negazione sotto i 3000.

mercoledì 2 novembre 2011

Cac e SP500 2-11-11

L'ipotesi prospettata venerdì sta assumendo concretezza, il CAC in soli due giorni ha quasi raggiunto il suo target intorno ai 3000 e per converso il bund è schizzato in alto, anche troppo in verità.

Conteggio sulla stessa falsariga possiamo ritrovarlo sullo sp500

su quest'ultimo indice dovremmo avere un rintracciamento ideale a 1165 e per il Nasdaq a 2190, ma essendo più forti rispetto all'Europa non mi meraviglierebbe si fermassero un po' prima.
In ogni caso e per tutti gli indici mi aspetterei ancora almeno una o due sessioni sulle montagne russe.
Inoltre bisogna tener presente la possibile alternativa che illustro sullo sp500.


Di conseguenza al momento la mia idea è di comprare con stop sotto il minimo del 23/9per l'Europa, 4/10 per gli USA.
Mi fa piacere constatare in giro un forte pessimismo a conferma della mia idea contraria ;)

venerdì 28 ottobre 2011

Cac e bund

Nell'ultima analisi credo di aver male interpretato una IV (in rosso) per una 4,
probabilmente anche in seguito al fatto che è difficile capire dove anderebbe collocata la I-II della IV rossa, ma andiamo oltre, di fatto dopo la comunque dovuta correzione, anche se inferiore alle mie attese, il rialzo è ripreso, il conseguene coneggio dovrebbe essere quello illustrato in grafico, per cui dovremmo avere un top in breve (oggi o domani) ed una veloce e consistente correzione.
Il supporto a 3000 rappresenta l'argine principale e nel contempo il target principale del rintracciamento, si tratta però di un target ideale che potrebbe non essere raggiunto anche se finora, il CAC ha risposto abbastanza bene.
Ho invece due interpretazioni sui tempi in cui dovrebbe terminare la correzione il 3-11 e/o l'8/11 magari finirà a di 2/B il 3 e c di 2/B l'8.


Sul bund potrebbe valere lo stesso ragionamento al contrario per cui si dovrebbe raggiungere in breve il target a 132/132.5 e poi rimbalzare

domenica 16 ottobre 2011

Nasdaq & C. 16/10/11

Il QE3, come nelle scorse edizioni ha innescato un rialzo senza correzioni, almeno per il momento.
Lo sp500 è arrivato a 1220 (future) che dovrebbe costituire una buona resistenza, per lunedì un classico scenario sarebbe di "saltare" detto livello in gap up e proseguire.
Tuttavia, negli ultimi due giorni ho notato un leggero calo dei volumi e una diminuzione di forza dell'Italia, che storicamente non è un buon segno, inoltre ci sono alcuni conteggi che porterebbero a pensare che il primo movimento di questa salita sia terminato o quasi.
Sul Nasdaq vedrei questo conteggio e per inciso sull'EURUSD è molto simile

Sul CAC40 il seguente

dove ci starebbe un altro piccolo allungo per completare onda a
molto simile la situazione sul FTSE MIB dove avrei un target in zona 16800/17000
e all'inverso sul bund dove mancherebbe l'ultimo minimo a 132.5 circa

venerdì 14 ottobre 2011

indici 14-10-11

E il Nasdaq100 è arrivto a 2300 senza correzioni degne di nota, a parte l'indice tech che pare abbia una vita tutta sua, gli altri indici oggi mi han dato tutti la stessa impressione riassumibile in 2 ipotesi:
- è stata fatta onda IV di 1 e si vedranno nel brevissimo nuovi massimi, per l'indice italiano avrei un target a 17000 circa per onda V di 1
- è stata fatta onda a di 2, quindi dopo un rimbalzo che non dovrebbe superare il massimo recente, dovremmo vedere un'ulteriore affondo prima di ripartire, per il FTSE mib direi target 15000

giovedì 6 ottobre 2011

Nasdaq 6-10-11

Sembra che abbiano fatto terminare in anticipo la correzione negandole perfino un minimo inferiore al precedente.
la zona della 1 rossa è stata ampiamente "invasa", per cui o siamo di nuovo al rialzo secondo il seguente schema, che cmq dovrebbe vedere una correzione a 2100 (se gliela lasceranno fare, a giudicare dai volumi e dall'eccesso di entusiasmo dovrebbero)

oppure il ribasso sta creando un'espansione secondo questo schema

considerato che tutto sommato i 1100 di sp500 sono stati violati, ritengo che il "mancante della correzione sia stato troncato (ah se Bernanke stesse un po' zitto, fino al momento opportuno) e propenderei per la ripresa del rialzo o comunque un buon rimbalzo.
C'è da aggiungere che, come pensavo, l'Europa si è mantenuta più forte durante la discesa americana e il CAC40 ha raggiunto perfettamente il rintracciamento indicato qui http://borsaronero.blogspot.com/2011/10/nasdaq-c-3-10-11.html

martedì 4 ottobre 2011

Nasdaq & Sp500 4-10-11

Con la sparata di oggi, i conti sullo sp500 appaiono un po' "strani", certo non è escluso che il conteggio interno falli in qualche punto.


Guardando al Nasdaq comunque direi che si potrebbe presumere che si sia completata onda 4 di C e quindi mancheebbe almeno un altro minimo.

lunedì 3 ottobre 2011

SP500 4-10-11


Vi posto solo l'aggiornamento del conteggio sullo sp500, che al momento sembra essere corretto ed indica ulteriore spazio di discesa.

domenica 2 ottobre 2011

Nasdaq & C 3-10-11

Cominciamo dal CAC40, molto simile a FIB ed eurostoxx50 salvo le prime onde già indicate all'inizio della salita, le onde inerne sono poco chiare, per farla breve, poremmo aver completato l'ennesima correzione (C) o una prima onda di rialzo. I volumi sono andati progressivamente calando e ciò non era un buon segno.
Nel primo caso dovrebbe essere destinato a un nuovo minimo, anche se non credo particolarmente profondo, nel secondo un riappoggio sulla trend rotta tra qualche giorno, mi sembra la soluzione migliore.


Tutto ciò se si avrà la forza in Europa di reggere l'onda americana, perchè
il Nasdaq dopo aver raggiunto e superato il primo target non è arrivato al secondo e più importante, anzi, non ha nemmeno superato il massimo precedente.
Per cui sembra aver svoltato nuovamene al ribasso


L'ipotesi rialzista resiste ancora in questa forma, ma il break della linea viola non lascerebbe più dubbi


anche lo sp500 mostra un brutto andamento dopo aver quasi raggiunto i 1200, il break della linea rossa lo porterebbe verso il target dei 1058 indicato tempo fa...se gli basta.


Qualche indicazione che si sia in prossimità di un minimo, potrebbe venire dal bund, (che ribadisco trovare ridicolo comprarlo a 140 o giù di lì), il quale, qualora nonostante la prospettata prossima negatività dell'azionario, potrebbe avere iniziato un ribasso, non riuscendo a superare il massimo precedente.
Al momento lo conterei così:

martedì 27 settembre 2011

Nasdaq E cac40 27-9-11

Pare abbia fatto male ad abbandonare prematuramente questa ipotesi rialzista sul Nasdaq.
Sul grafic sono indicati in azzurro il target per una correzione destinata a continuare il ribasso, in viola il target indicato da tempo per una correzione più ampia, in alternativa è ancora possibile un nuovo massimo assoluto.


Il cac a mio avviso indica meglio l'operatività specie europea.
Gli indici hanno segnato con un po' di ritardo (venerdì) l'ulteriore minimo che mi aspettavo in precedenza, la sessione di ieri è stata interlocutoria, nel senso che non ha detto nulla di decisivo. Secondo più metodi di analisi se venisse superato il massimo di ieri sarebbe certamente partito un rialzo o rimbalzo di una certa consistenza e a giudicare dalle preaperture dovrebbe venir superato già a inizio giornata.
Posto il conteggio della ending diagonal seguita da qualche giorno

e il conteggio intraday di ieri/oggi

C'è poco da dire, comprare con stop sotto i minimi.

P.s. eviterei le materie prime ieri oro e argento, ma anche petrolio hanno dato i primi segni di un sell off.