Translate

Cerca nel blog

domenica 25 giugno 2017

Sp500 26-6-17

Venerdì un altro tentativo di salita che però non ha raggiunto i 2445 indicati, mi aspetterei una continuazione del rimbalzo lunedì e poi, se i miei conteggi sui cicli sono esatti tra una decina di giorni dovremmo avere la chiusura del trimestre, quindi con una correzione di un certo livello, la precedente, che non è stata nemmeno particolarmente cattiva, ha portato dai 2400 ai 2323. Ora dovendo rispettare anche Elliott il target ideale resta a 2270, ma terrei presente il secondario a 2340, che diventa particolarmente interessante se vorranno mantenere la sequenza di minimi crescenti.

Il Nasdaq si è mantenuto intorno al suo target dei 5810, senza darci troppo da pensare con un allungo fuori misura.

L'Italia mi da l'idea di essere in debito di una salita, ma che i pochi rimasti non considerano i prezzi correnti un affare particolarmente interessante, per cui c'è bisogno di un maggior incentivo che può venire solo da prezzi più bassi.

Diverso è il DAX che segnava poco fa dei nuovi massimi, ma che pure sembra necessitare di una correzione.

Il petrolio è ancora ribassista, anche se potrebbe rimbalzare un po', ricordo che il mio target è all'incirca 37$.

L'EURUSD sembra già pronto a tornare al rialzo, con una correzione minima, prospettando un prossimo target a 1.138 (cash)

In parallelo anche l'oro sembra aver trovato supporto sulla trend rialzista e segna qualche nuovo progresso.

venerdì 23 giugno 2017

Sp500 Ndx 23-6-17

Forse la discesa potrebbe essere più imminente del previsto, ma è appunto solo un forse.

Nonostante il rimbalzo di alcuni settori lo sp500 chiude sui minimi e il Nasdaq non ha più realizzato un nuovo massimo.

Sullo sp di brevissimo possiamo fare tre ipotesi: - il rimbalzo di oggi era solo una prima onda di rimbalzo e potrebbe fare un secondo tentativo verso il target dei 2445 (future 2442) che oggi è stato mancato (in rosso); - quella di oggi era solo una prima onda rialzista, ma dovremmo segnare nuovi massimi per conferma (in verde) - Il rimbalzo è già terminato (in viola) e, in tal senso, deporrebbe anche il nasdaq, ma potrebbero riallinearsi anche dopo lo svolgimento dell'ipotesi 1;

mercoledì 21 giugno 2017

Sp500 21-6-17

In questi giorni mi sembra di essere una pallina da tennis che subisce racchettate da una parte all'altra.

Oggi l'indice è andato sotto il livello atteso dei 2440 e ancor più grave ha rotto il massimo della i (linea rossa) di conseguenza si aprono 3 ipotesi:

si tratta di un'ennesima espansione (in verde) che promette target più alti dei previsti 2460;

quest'ultima onda si sta sviluppando in Ending Diagonal (in rosso) per cui manca un ultimo rialzo in zona 2455, il che vale per il future che posto sotto. Invece per l'indice la invasione non c'è stata per cui potrebbe procedere regolarmente verso i 2455/60, avremmo l'invasione solo ai corrispondenti 2431 di future;

la v attesa si è già verificata nell'elettrocardiogramma che si vede sui massimi e quella in corso è la prima onda di ribasso (in azzurro);

Francamente un'altra espansione mi sembra fuori luogo e guardando soprattutto alla debolezza del Nasdaq, scarterei la prima ipotesi. Per comprendere la altre due comincerei ad aprire short, per la ipotesi tre, da mediare in zona 2455, per la due. Una copertura con l'acquisto contemporaneo di call 2455 non ci starebbe male.

P.S. un altro motivo per temere un ribasso è che il prezzo discendente del petrolio non ha avuto ancora effetti sull'azionario ed in genere a un certo punto non ha mai mancato di farsi sentire.

martedì 20 giugno 2017

Sp500 20-6-17

Che il ribasso non fosse imminente l'avevamo capito, ma che la continuazione del rialzo lo fosse, invece no. Cmq si può dire che è ancora rispettato lo schema generale e che si sia diretti verso i 2060 di target finale.

Il conteggio si è quindi sviluppato come segue, sarebbero attese approssimativamente iv a 2440 v di III 2455 IV 2444 V di 5 2458/60 (valori future)

Il Nasdaq resta relativamente più debole e potrebbe limitarsi ai 5800/10

domenica 18 giugno 2017

Sp500 19-6-17

In settimana vi ho mostrato l'ipotesi rialzista,

e l'ipotesi ribassista,

ma, in verità si può dire che l'indice non sia andato da nessuna parte, nel contempo è parecchio aumentato il sentiment negativo specie a causa della debolezza del Nasdaq, il che mi fa pensare che non si sia ancora pronti a scendere, dovranno prima convincere il parco buoi che si sale ancora.

Conseguentemente al momento mi sono orientato su un'ipotesi laterale, ovvero che la 4 si stia sviluppando in forma triangolare e che non sia ancora terminata. Il che comporta un ritorno al target ideale di 2407 di cui parlavo qualche giorno fa e cmq inferiore ai 2418 già segnati, ma anche il riabbassamento a 2404 (massimo della 1) del punto di rottura per il ribasso.

Un'idea simile potrebbe calzare anche al fib di una 4 che necessita di completamento con un altro affondo in zona 20400/500

L'oro è sceso parecchio e i suoi fratelli ancor di più, l'aumento dei tassi non è certo a loro favore,ma finchè tiene la rialzista non dovrebbero esserci problemi.

L'EURUSD nel contempo non ha poi perso tanto e dovrebbe avere in corso una IV con target 1.11 per poi allungare a 1.135/14

Petrolio sempre negativo.

giovedì 15 giugno 2017

Sp500 16-6-17

Ieri vi ho mostrato il conteggio rialzista ed ero più favorevole ad esso, oggi però con l'apertura in gap down e la chiusura sul livello ideale di rintracciamento per una ii, propenderei per quello ribassista.

La mia impressione è che i big non l'abbiano lasciato andare perchè le scadenze DEVONO essere alte o quantomeno non sotto i 2400 (ci sono troppe p2400 in giro), il supporto a 2415 ha tenuto di poco e stavolta bancari e finanziari non sono andati particolarmente bene, mentre il recupero del Nasdaq è stato minimale, il tutto mi indica una certa debolezza.

Concludendo per i ribassisti il livello di chiusura a 2433 è l'ideale per entrare short, stop sopra 2445.

Per i rialzisti la rottura del minimo di oggi a 2416/15 è il livello per lo stop/reverse.

Sp500 15-6-17 agg.

Sembrerebbe che l'alternativa della 5 in failure non fosse poi così vaga, tanta negatività prima dell'apertura non depone certo a favore del rialzo, manca poco al 2415 indicati. Li ha tenuti per poco finora.

mercoledì 14 giugno 2017

Sp500 15-6-17

LA FED fa pari e patta, aumenta i tassi come previsto, ma non si sbilancia sul futuro con un equo "dipende dai dati". Il Mercato tocca il suo top e poi rintraccia, a mio avviso si tratta della solita espansione che comunque potrebbe coincidere col progettato target a 2460 e con la previsione di scadenze sui massimi.

In via secondaria teniamo presente che il tocco dei massimi avrebbe potuto essere una 5 in failure, per cui alziamo a 2415 il trigger per lo short contro previsione.

SP500 14-6-17

Nasdaq dopo un allungo negativo di lunedì hanno in corso il naturale rimbalzo. Tutto sembra procedere secondo le attese, probabilmente sulla Fed dovremmo avere un nuovo massimo in zona 2460 per lo sp500 e il rintracciamento a 5810 (future settembre) per il Nasdaq 100, tutto ciò dovrebbe poi essere seguito dall’atteso ribasso. Ricordo che un’eventuale reazione diversa da quella attesa, darebbe sotto i 2400 il segnale di vendita/short. Petrolio sempre negativo. I metalli preziosi rintracciano pesantemente e anche qui potrebbe esserci un’occasione di acquisto. Osservate come gli ETF oro LEVA 3 NUGT e JNUGT segnino un rialzo nonostante il leggero ribasso del metallo giallo

martedì 13 giugno 2017

Sp500 13-6-17

Oggi i mercati hanno allungato al ribasso, ma con recupero prima della chiusura. Lo sP500 non ha nemmeno segnato un nuovo minimo rispetto a venerdì.

Resto dell'idea che lo sp500 debba fare un altro massimo in zona 2460, invece il Nasdaq che è sceso più seriamente potrebbe aver fatto la prima onda della discesa ed essere quindi destinato solo a un rintracciamento.

Avendo meglio tenuto, il riferimento resta lo sp500. L'inversione ribassista si avrebbe solo sotto 2400 con preallarme alla rottura del minimo di venerdì 2414.

Credo che tutto il movimento sia il solito inganno prescadenze per vendere put, non credo che la rottura avvenga prima delle stesse, al massimo potrebbero anticipare a giovedì, come è capitato talvolta. Ovviamente l'ultima parola spetta alla FED mercoledì.

Petrolio da' ulteriori segnali di debolezza partendo alla grande e perdendo tutto in giornata.

domenica 11 giugno 2017

Sp500 & C. 12-6-17

Nonostante il sommovimento di venerdì possiamo dire che il conteggio procede perfettamente. Giusto qualche incertezza se la 4 sia terminata o meno (avrei un target ideale di 2407 mentre è stato segnato 2414) potremmo avere quindi una nuova discesa nei primi giorni della settimana per poi concludere le scadenze di giugno in zona massimi. Se non ci saranno imprevisti quota 2400 dovrebbe rimanere inviolata.

L'Italia ha fatto un tentativo verso un minimo inferiore a quello della settimana scorsa, ma tale tentativo è stato infruttuoso, il che constente di fissare un livello di stop a 20570 ed adeguare il conteggio in direzione dei 22000/22200.

Anche l'EURUSD prosegue il conteggio regolarmente e potrebbe correggere fino a 1.1.

In parallelo l'oro che potrebbe correggere fino 1250.

Infine il petrolio prosegue lentamente nella sua discesa, come previsto. N.B. ci avviciniamo a quelli che dovrebbero essere i massimi di periodo e il movimento di venerdì ne ha dato la prima avvisaglia, a chi farà una donazione invierò in settimana un report sui titoli USA da shortare che han già dato un buon segnale.

domenica 4 giugno 2017

Sp500 & C 5-6-17

L'andamento e, a priva vista, anche il conteggio sembrano confermati. Si sale sempre e non c'è cattiva notizia che tenga, se non per pochi minuti. Credo che avremo scadenze sui massimi, come al solito e cmq mi sentirei di escludere che si ritorni sotto i 2400 almeno fino ad allora.

Il mercato è però molto tirato, così per puro intuito direi che la iii in corso potrebbe non allungarsi troppo come in figura.

L'italia è più difficile da interpretare soprattutto a causa dello stacco dividendi intercorso che traccia due linee diverse su future e indice, su quest'ultimo infatti l'ultima discesa è andata sotto il punto a, quindi la correzione potrebbe essere completa, anche se sul future ciò non è avvenuto, tuttavia il recupero sembra disegnare una flag che chiamerebbe un altro affondo, ciò riallineerebbe i due strumenti.

Se domani, forse a causa dell'ennesimo attentato ci dovesse essere una brutta apertura, sui supporti indicati potrebbe valere la pena tentare degli acquisti.

EURUSD prosegue al rialzo come da conteggio, prossimo target 1,133.

E di conseguenza oro e collaterali mostrano sempre maggior forza.

Il petrolio continua a scendere e se le aspettative sono corrette lo vedremo a 37 tra un paio di mesi.

venerdì 2 giugno 2017

Sp500 2-6-17

E così l'indice è arrivato ai 2430 dopo una correzione molto più scarsa del previsto, il che lascia supporre che ci sia ancora strada davanti (vedrei tutta la prossima settimana al rialzo)

Anche l'Italia potrebbe essere già ripartita dopo una c in failure. unica possibilità alternativa che riscenda domani in zona target 20400/500, ma con questa forza dall'America non vedo come.

domenica 28 maggio 2017

Sp500 29-5-17

Innanzitutto ricordo che lunedì è il Memorial day per cui le borse americane resteranno chiuse e i futures tratteranno fino alle 19.00.

Per quanto riguarda lo Sp500 con la rottura dell'ultimo massimo ha segnato un'espansione anche nell'onda in corso che è quindi destinata a continuare il rialzo. Stante l'eccezionale sentiment positivo potremmo avere anche scendere un po', ma viste le premesse, il supporto 2380 (linea rossa) dovrebbe contenere qualunque correzione e segnerebbe anche un'ulteriore espansione. Una continuazione diretta, invece, dovrebbe arrivare almeno a 2430 e non tornare sotto 2400 fino a completamento.

Sull'Italia, gli ultimi sviluppi mi hanno indotto a modificare il conteggio come segue, mi aspetterei una continuazione della correzione fino a 20400/500 e poi un nuovo rialzo con target 22400.

L'EURUSD è sempre al rialzo, ma potrebbe anche lui formare una correzione che dovrebbe essere contenuta dagli 1.1

Sul petrolio abbiamo assistito al più classico dei sell on news, ipotizzando la partenza di un impulso ribassista, l'ideale sarebbe entrare short a 50.5 con stop sul recente massimo relativo.

C'è da notare che molti titoli del settore non hanno segnato i gran guadagni della commodity, anzi han continuato il loro ribasso anche durante il rimbalzo, il che non mi fa pensare a nulla di positivo per i rialzisti.

Infine l'oro staziona al di sotto delle ribassiste di lungo e di breve, se o dovrei dire quando riuscirà a passarle ci sarà spazio per almeno 100$.

L'argento ha, in proporzione perso più terreno, ma per questo stesso motivo recupera più in fretta, cmq è semplicemente trainato dal fratello maggiore.

venerdì 26 maggio 2017

Sp500 25-5-17

Col superamento del MAx a 2405 non ci dovrebbero più essere dubbi sul conteggio in corso che appare tale.

Rafforza quindi l'idea del Fib a 21900, nonostante oggi non sia stata una sessione brillante.

Sul petrolio, una volta approvato il taglio atteso, è scattato un sell on news. La discesa trova un supporto e potrebbe arrestarsi a 47 se destinato a riprendere il rialzo, oppure proseguire per i 37 indicati tempo addietro.

giovedì 25 maggio 2017

Sp500 25-5-17

L'indice ieri ha chiuso il gap ed oggi pareggiato i massimi, mi sembra una facile previsione che per venerdì dovrebbe trovarsi sui 2415/20.

E a questo punto se la correzione a 2350 va interpretata come una II di espansione, c'è ancora spazio al rialzo e per ora miriamo al vecchio target 2440. L'italia si sarebbe quindi fermata al primo rintracciamento indicato e il target conseguente sarebbe 22200 senza la rettifica dividendi, includendola invece, mi pare che si arrivi a 21900. EURUSD ha fatto una piccola correzione, ma la minute del Fomc ha rimesso il dollaro nel trend discendente, quindi si dovrebbe arrivare a 1.14 a breve. Oro e argento si son regolati di conseguenza di nuovo al rialzo. L'opec dovrebbe oggi risolvere il problema petrolio.

martedì 23 maggio 2017

Sp500 23-5-17

I possibili conteggi di breve in rosso ribassista e in verde rialzista, dove il verde continua a non convincermi, dovrebbe, nel caso trattarsi di un'espansione ed è piuttosto corta per essere tale.

sabato 20 maggio 2017

Sp500 & c. 22-5-17

Il segnale avutosi mercoledì è piuttosto negativo, a prescindere dalle motivazioni, indica che il mercato è debole, ovvero gli operatori sono pronti a scappare per qualunque fruscio di vento.

Anche il pattern che si è formato è tendenzialmente negativo, il cd bear kicker che solitamente non chiude il gap. Il tutto rientra nelle nostre aspettative annunciate da tempo, tuttavia questo pattern ha il 54% di successo, quindi non si può certo escludere che il mercato vada contro le attese, ho quindi evidenziato la linea azzurra come preallarme e la verde come stop. La rossa ovviamente sarebbe la conferma del ribasso. Qualora si dovesse violare la verde ciò dovrebbe implicare che tutto il movimento da 2323 circa a 2405 sarebbe una I di espansione quindi il rialzo atteso sarebbe di una certa rilevanza.

Personalmente mi preoccupa solo il sentiment estremamente negativo.

L'Italia ha toccato il primo livello di rintracciamento indicato, ma non significa che abbia terminato, quindi di fatto non è cambiato nulla e sono sempre aperte tutte e 4 le possibilità.

L'eurUSD ha fatto una correzione minima ed è ripartito forte, così forte da indurmi a pensare che in corso ci sia una III di III.

La debolezza del dollaro è evidente anche sugli altri cambi fra cui GBPUSD che continua verso il target indicato di 1.342/3

Da tale debolezza deriva principalmente la forza di oro & c. che segnano un progresso venerdì nonostante il recupero dei mercati azionari, ma anche qui, per ora non c'è nulla di significativo.

Il petrolio non è tra le migliori riuscite, ma ci sono stati rumors su un mantenimento dei tagli da parte dell'Opec che han prevalso sui dati indicanti un'abbondanza di scorte negli USA. Si può dire che siamo in zona massimo rimbalzo, ma fino alla riunione del 25 tutto può succedere.

venerdì 19 maggio 2017

Sp500 19-5-17

Oggi rimbalzo come da attese, il livello ideale sarebbe 2381 future, allunghi superiori sarebbero un indizio che il rialzo è ripreso e il tutto è stato solo una manovra per le scadenze di maggio.

Per l'ipotesi ribassista esso è invece il livello dove entrare short in vista dei 2250. Stop 2405.

giovedì 18 maggio 2017

Sp500 18-5-17

E così... è andato giù, su un rimbalzo immediato il livello a cui fare ingressi short è salito a 2385.

Se la discesa continuasse il primo supporto dopo 2360 è 2320/30.

Si prospetta discesa fino alla prima settimana di giugno.

Di contro oro e argento sono in rialzo favoriti anche da una sopraggiunta debolezza del dollaro.

Il petrolio tiene, forse in attesa dell'opec il 25.

mercoledì 17 maggio 2017

Sp500 17-5-17

Mentre scrivo c'è una discreta discesa dei future, in base al seguente conteggio il rialzo potrebbe essere temporaneamente terminato ed iniziata correzione verso 2260.

Conferma sotto la linea rossa tratteggiata.

L'EURUSD ha rotto al rialzo con notevole forza quindi correzione finita e prossimi target 1.13/1.14.

Petrolio in linea con le attese, attenzione alla ripresa del ribasso.

lunedì 15 maggio 2017

Sp500 16-5-17

Sull'indice in intraday c'è stato un nuovo massimo millimetrico, ragion per cui opterei per l'ipotesi di estensione rialzista e alzerei il trigger ribassista a 2383 future.

sabato 13 maggio 2017

Sp500 & c.

In settimana abbiamo avuto un millimetrico nuovo massimo e poi l'andamento è continuato nel solito range. La chiusura ciclica mensile dovremmo averla avuta giovedì o magari potremmo averla lunedì, per questo motivo modifico l'eventuale entrata short in 2375 ma in chiusura.

Le ipotesi di conteggio in corso, a seguito del nuovo massimo, sono rimaste in 2:

- con esso si è chiusa la 5 di 5 e dovremmo iniziare la correzione verso 2260 (in verde), trigger come su indicato;

oppure

- si è trattato solo della i di 5, quindi eventuali ribassi non dovrebbero essere inferiori a 2375 e si dovrebbe allungare al rialzo, ma saremmo cmq agli sgoccioli e rientranti nel target massimo di 2430/40 indicato a suo tempo.

Gli internals non mi permettono di discriminare tra l'una e l'altra ipotesi, mi indicano soltanto un peggioramento del momentum, che è compatibile con entrambe, ma mi consente di scartare idee maggiormente rialziste.

L'Italia è rimasta praticamente sui massimi ad indicare che l'onda in corso non era ancora terminata, vi rimando alla precedente analisi perchè di fatto non è cambiato nulla.

EURUSD ha realizzato una prima correzione recuperando, venerdì, quasi tutto il terreno perduto, a mio avviso dovrebbe trattarsi solo di un'onda a e dopo questo rimbalzo la correzione dovrebbe terminare a 1.075. Ho provato a indicare sul grafico anche le date di inversione in base a un esperimento in corso.

Il petrolio si è attenuto alle indicazioni segnando un massimo poco superiore ai 48 e già potrebbe riprendere la discesa, ma anche si spingesse fino a 49 non cambierebbe la view negativa.

Oro e argento, anche se non hanno ancora dato un preciso segnale di inversione rialzista, sembrano promettere bene.

domenica 7 maggio 2017

SP500 & C. 8-5-17

Premetto che sono abbastanza convinto che l'elezione francese sia ormai una notizia ampiamente scontata e che possa dar luogo a un sell on news, immediato (in rosso), al limite con un apertura in gap up seguito dalla discesa, o con trappola (in verde). Alla chiusura di venerdì ed in after hour abbiamo visto un'anomala corsa agli acquisti, anche qui penso che siano stati i piccoli che intendevano sfruttare la notizia senza rendersi conto che è già scontata.

Il conteggio quadra abbastanza per il ribasso e in settimana dovrebbe anche esserci la chiusura ciclica mensile, tuttavia non posso categoricamente escludere un' euforia che duri qualche giorno (in azzurro), ma anche in questo caso potremmo arrivare ai previsti 2430/40 non credo oltre.

Il grafico di cui sopra è sempre quello del future che differisce leggermente dall'indice, ma anche qui potremmo avere una discesa immediata o rimandata di qualche giorno a seconda dell'interpretazione.

Il punto essenziale si pone cmq a 2375 future, il suo cedimento dovrebbe dar il via alla correzione prevista.

L'Italia si presta invece a numerosi conteggi, con l'ultima salita potremmo - aver completato la 5 rossa, quindi si prospetterebbe una correzione a 19500 (livello rivisto in funzione degli sviluppi) per la 4 blu, a questa idea va la mia preferenza considerando che molti titoli han raggiunto importanti resistenze; - aver completato la 5 blu e allora si prospetta una discesa almeno a 18000; date le recenti dimostrazioni di forza devo considerare anche alcune ipotesi di espansione: - - conteggio in rosa, che comunque vorrebbe una correzione a 20400 e in nero a 20700 per poi allungare ancora.

Ecco il conteggio che seguo su Intesa che vorrebbe una correzione in zona 2.4/5

Anche l'EURUSD è arrivato in zona target

GBPUSD prosegue lentamente nel suo rialzo.

Prima di passare al resto vi riporto quanto ho letto in merito al comportamento delle varie commodities che sono scese di brutto negli ultimi due mesi. Parrebbe che la cosa sia dovuta a un rallentamento cinese e ad uno strisciante degli USA, per cui non ci sarebbe da meravigliarsi se a breve si sentisse parlare di "contagio", conseguenza ne è che acciaio, rame, alluminio petrolio e varie sono in un trend negativo, che non pare ancora essere terminato, solo oro e forse argento e platino, anche loro bastonati, potrebbero recuperare qualcosa fungendo da bene rifugio in caso di una correzione dell'azionario.

Ma anche i loro grafici non suggeriscono inversione al momento.

Sul petrolio tento un conteggio, che cmq non mi è chiarissimo, tale conteggio vorrebbe un target a 37. La candela di venerdì, sebbene tipicamente di inversione, non mi ispira fiducia, mi sembra solo una reazione al flash-crash intraday, se ho ragione ci sarebbe pochissimo spazio al rialzo, diciamo fino a 47/48 e poi dovrebbe riprendere la discesa.