Translate

Cerca nel blog

Ricordate di passare dai link presenti in questa pagina quando fate shopping su Amazon per regalare qualche spicciolo al blog. Remember to use the links on this page when you shop on Amazon to give some money to the blog

Alexa Echo

lunedì 13 gennaio 2020

Sp500 14-1-20

Oggi lo sp500 non ha proseguito la discesa di venerdì u.s., il fatto che non abbia toccato il target minimo di 3244 significa che la iii gialla è ancora il corso ed avendo superato il precedente target 3278 significa che è in corso una sua espansione, ma la ripidezza del movimento non consente una lettura delle sotto onde. Quello che si riesce a vedere mi sembra eccessivo, per cui non mi fido a trarne indicazioni. Posso forse ipotizzare che la gialla stia formando una ED, ma al momento i dati sono insufficienti.

Notate che il sentiment https://money.cnn.com/data/fear-and-greed/ con l'ultima correzione si è ridimensionato e in giro c'è una notevole "ansia da top" il che non depone a favore di una discesa

domenica 12 gennaio 2020

Sp500 & C. 13-1-20

Settimana complicata a causa delle tensioni USA/Iran, ma a quanto pare non è successo nulla, anzi il sentiment che era esageratamente positivo si è ridimensionato un po'.
l'onda iv rossa che credevo terminata a 3206 a causa delle suddette tensioni si è articolata in tre onde, arrivando fino altarget dell'ipotesi di riserva 3180, ma il nuovo massimo assoluto successivo ha confermato l'etichettatura.
Dai 3180 ai 3287 sembra di leggere cinque onde complete, anche se un po' anomale, quindi dovrebbe seguire la iv gialla target ideale 3218 e target minimo 3244 il che dovrebbe chiamare un target finale a 3315 salvo estensioni. Operativamente, ho già detto che personalmente liquido le posizioni long sulla penultima onda e casomai apro short sull'ultima, sempre che si concretizzi. Se il conto si rivelasse sbagliato e la discesa iniziasse adesso considererei 3170 il livello di ingresso short, ma non me lo aspetto, sia per la normalizzazione del sentiment, sia per la tendenza a chiudere le scadenze mensili sui massimi.


Il Russel sul quale ho deciso di non guardare più i conteggi perchè imho troppo ingannevoli, tecnicamente però rispetta le classiche figure, per cui la rottura della laterale promette un target intorno a 1750, quindi ancora rialzo.

Anche l'Europa ha sviluppato nuovi massimi come previsto, il Dax probabilmente sta formando una ED poco oltre i 13600
Il FTSEmib ha più o meno la stessa indicazione con target 24350, ma sul grafico posto le possibili prosecuzioni alternative:
- potrebbe mancare ancora un onda, che potrebbe essere parallela alla 4 di grado maggiore dello sp500, quindi con una discesa fino a 22500 seguita dai 25000 (in blu)
- l'onda partita dai 23200 potrebbe espandere al rialzo per target indefiniti (in verde)
- il conteggio è terminato e si scende (in rosso)
Le alternative trovano una conferma nei grafici dei bancari italiani che hanno assunto forme diverse.
per es. UC segue un conteggio regolare e dovrebbe avere un target a 14.2
Mediolanum invece promette un prossimo target a 9.75, ma direi che non abbia terminato la corsa
ISP è ferma da tanto nella stessa zona e non si capisce se abbia terminato in anticipo, stia formando un'espansione o una ED
Sul Bund il mio conteggio direbbe che ha terminato sia la prima onda al rialzo e il suo rintracciamento, si può tentare un Long con stop sotto il punto Y

Il petrolio dopo la sua corsa ha rispettato le attese tornando sulla parte inferiore del canale rialzista, al momento direi che siamo in una fase laterale, per cui credo sia terminata o quasi una prima onda di una sequenza di tre, per cui all'incirca propenderei per un rimbalzo a 63 seguito da un nuovo minimo in zona 56.
Il cambio EURUSD è sceso un po' più del previsto, ma al momento il livello principale a 1.106 è salvo.
I metalli questa settimana mi lasciano un po' perplesso.
L'oro ha raggiunto in sessione notturna i 1610 indicati da tempo, il conteggio più semplice vorrebbe ancora due allunghi prima a 1630 (in giallo) e/o a 1650 (in azzurro) e tutto sommato si mantiene forte. Ma non posso escludere, che abbia già dato con uno spike così elevato che impedisca un ulteriore massimo e concretizzi solo un rimbalzo a 1585 (in rosso)
Dubbi che trovano fondamento anche nelle azioni collegate, essendo lo spike avvenuto di notte non ha trovato conferma negli orari regolari di trattazione dell'azionario che ha invece subito solo i successivi colpi di assestamento, così AU e Barrick vorrebbero al massimo un solo allungo ulteriore.
La confusione aumenta guardando l'argento che mostra già cinque onde complete ma be sotto il massimo, possibile un rimbalzo a 18.5 e un assestamento a 17.5/17 in vista di una futura espansione.
AG titolo di riferimento mostra la stessa configurazione dei titoli si cui sopra, mostrando anche di essersi appoggiato sulla trend di medio periodo, quindi senza cedimenti decisivi.
Infine il Platino, per una volta sembra più regolare, chiamando due ulteriori allunghi fino a 1032.
Se devo tirare ad indovinare, direi che il platino, più industriale potrebbe seguire il rialzo dell'azionario sviluppando a breve le onde previste, mantra l'oro potrebbe correggere nel breve e allungare quando l'azionario si deciderà a formare la 4. L'argento non saprei bene quale delle due strade possa seguire.


domenica 5 gennaio 2020

Sp500 & C. 6-1-20

L'attesa iv rossa si è concretizzata con una certa precisione, dovrebbe seguire la v rossa=iii gialla con un target per ora stimato a 3282.
Nel week end la "rappresaglia iraniana" si è concretizzata nel lancio di un paio di missili su obbiettivi "minori" direi il minimo indispensabile, gli eventi hanno spostato sul negativo il sentiment di mercato, tuttavia nella sessione di venerdì i mercati hanno mostrato una buona resilienza, per cui con questo clima di paura propenderei per un prosieguo del rialzo, come pronosticato, al limite un test dei 3220 rientrerebbe nella suddivisione dell'onda su indicata.

Possibile alternative sono:
considerare i 3205 di venerdì come l'inizio della discesa e 3245 la relativa II di discesa, tale idea troverebbe conferma, a mio avviso, solo al di sotto dei 3170
oppure
i medesimi livelli come AB della iv rossa che si completerebbe intorno a 3180.

Anche l'Europa si è mostrata piuttosto forte dopo l'iniziale debacle, la situazione attuala lascia però aperte più strade:
- al momento la discesa dai massimi appare come una correzione in tre onde, per cui l'interpretazione principale sarebbe per l'estensione dell'ultima onda,
in forma normale o di Ending diagonal, (la vediamo sul DAX)
- può anche darsi che la 2 di espansione non sia ancora completa il target ideale sarebbe a 23200 sul fib (percorso rosso)
- infine la correzione potrebbe arrivare fino a 22500 concretizzando una 4 di livello superiore (percorso blu)
Ovviamente per le espansioni i target al rialzo non sono ancora definiti, ma stimo per ora i 24500.
Dati gli eventi geopolitici il petrolio non poteva certo scendere, tuttavia potremmo aver avuto uno spike on news come in occasione dell'attentato all'Aramco, che è stato poi seguito da una discreta discesa, nel caso attuale è possibile che vada a toccare la parte inferiore del canale rialzista.
L'EURUSD a mio avvisto sta formando una sequenza rialzista con multiple espansioni, al momento fisserei lo stop a 1.106 e la conferma sopra 1.125.
L'oro ha seguito perfettamente lo sviluppo indicato, ritesta i recenti massimi ed ha la 3 arancio (di 5 blu) in corso, se è terminata è possibile un rintracciamento per la 4 fino a 1520, ma il rialzo dovrebbe continuare.
Grafico e conteggio identico per il titolo di rappresentanza AU, sotto 21 non dovrebbe tornare, target stimato almeno 25
Barrick un po' più debole, ma stessa situazione, sotto 18 non dovrebbe tornare, target 21.
L'argento è un po' indietro rispetto all'oro, poichè ci vedrei già 5 onde al rialzo, l'eventuale correzione potrebbe arrivare a 17.2 onde formare un'espansione rialzista, ma potrebbe semplicemente continuare trascinato dal fratello maggiore.
Curioso che qui il titolo di rappresentanza AG abbia già superato il recente massimoe mostri un conteggio più simile, ma anche migliore dei titoli auriferi di cui sopra. Sotto 11 non dovrebbe tornarci, target stimato 15.
Il Platino finora è stato piuttosto difficile da decifrare, ma al momento anch'esso si mostra simile all'oro con retest dell'ultimo massimo.


giovedì 2 gennaio 2020

Sp500 3-1-20

Aggiorno il conteggio secondo gli sviluppi degli ultimi giorni.
Completata la iii rossa (possibile sia finita od anche un piccolo allungo di una decina di punti) si dovrebbe tornare in zona 3210 per la iv.
Raccomando prudenza perchè con un sentiment a 97, è possibile un crollo improvviso, cioè senza attendere il termine del conteggio o rivelando qualche errore nello stesso da parte mia.

https://money.cnn.com/data/fear-and-greed/

domenica 29 dicembre 2019

Sp500 & C 30-12-19

Il movimento delle ultime due settimane è alterato dal periodo festivo e caratterizzato  da bassi volumi, cmq una lettura che non tenga conto di tutto ciò non vede una correzione tale da poter essere etichettata come una iv, per cui mi aspetterei che la più che dovuta discesa vada a toccare il livello di rintracciamento minimo pari a 3215, i livelli successivi a 3201 e 3196, se raggiunti, dovrebbero essere considerati la iv delle espansioni dei rispettivi colori, la violazione dei 3180 invece farebbe ritenere l'onda corrente (partita da 3070) terminata e indirizzerebbe almeno verso i 3100, sottolineo almeno.
L'Europa, ha avuto a disposizione meno sessioni operative e in dette sessioni non ha segutio la positività americana, l'interpretazione delle ultime correzioni come espansioni, non ha quindi ragione di essere e interpreterei l'ultima sequenza come la 5 arancio completa, sotto 23700 si dovrebbe quindi ripiegare per la 4 blu verso 22500/23200, il dax nel breve non è diverso.
Per quanto riguarda i titoli, l'interpretazione più simile la vediamo su UC
Mentre ISP è un po' più ostica, possibile espansione della 5?
Il petrolio ha continuato la sua ascesa, nell'ultimo movimento ci leggerei 5 onde complete e un forte ipercomprato, il che implica che una correzione almeno a 58 sarebbe dovuta.
L'oro ha nettamente rotto al rialzo, ci vedrei in corso la 5 con multiple espansioni e target intorno a 1600.
Il titolo di rappresentanza AU segue lo schema
L'argento invece ha visto una correzione più profonda e, per ora appare meno forte, per cui mi aspetterei una 5 in doppio massimo, ma è anche possibile, come per l'onda precedente un'accelerazione successiva che lo porti verso i 22+.
E non è un'ipotesi così remota, tanto che il titolo di rappresentanza AG ha già segnato un nuovo massimo e raggiunto il target principale, ci si può aspettare quindi un allungo fino a 15.
Il cambio EURUSD con l'accelerazione della sessione di venerdì sembrerebbe confermare una 3 in corso, quindi si può fissare uno stop a 1.106, ulteriore conferma sopra 1.12


domenica 22 dicembre 2019

Sp500 & C 23-12-19

Nonostante tutto riesco a fare un aggiornamento veloce, in sostanza a seguito di un buon dato del PIL USA il mercato in mano ai piccoli sviluppa un allungo dell'onda in corso superiore alle attese, il che mi obbliga a modificare il conteggio in senso maggiormente rialzista aggiungendo un'espansione.
Nel brevissimo l'ipercomprato è molto forte per cui una correzione ci starebbe, ma piuttosto limitata come indicato sul grafico. Inoltre con detto allungo si mette in dubbio anche la struttura della ED, che però vedremo in seguito. E' probabile che il movimento continui fino a gennaio.
Lo sviluppo di un'ulteriore espansione e quindi si target più ampi si vede anche su Italia e Germania
Oro nulla di nuovo, salvo segnalare che la prevista correzione si è sviluppata in laterale, il che costituisce una buona premessa per il futuro.
Petrolio sarebbe ora che iniziasse la sua discesa almeno sul primo supporto a 57/58

Il bund potrebbe aver completato la sua prima onda ribassista e quindi iniziare un rimbalzo.