Translate

Cerca nel blog

domenica 18 agosto 2013

Aggiornamento 19-8-13

Cominciamo con un paio di note positive, l'argento ha raggiunto in pieno il suo target in una sola settimana. Non ci sono segnali di inversione, ma se il conto è giusto col target raggiunto io prenderei profitto, in alternativa fisserei uno stop profit a 22.

Il bund ha rotto il minimo precedente sia pur di poco, sembra aprire la via a un ribasso consistente di cui nel breve dovremmo vedere solo la prima parte.

Nulla di nuovo da segnalare sull'EURUSD.

Veniamo agli indici. In America finalmente abbiamo qualche segnale di cedimentoin particolare venerdì abbiamo avuto un ulteriore segnale di debolezza chiudendo pressochè invariati, quando tutti si aspettavano un rimbalzo dopo la negativa sessione di giovedì. Se il conto è giusto il target ideale della discesa si porrebbe a 1540, altrettanto idealmente non mi aspetterei rimbalzi prima dei 1610/20, ma una sorpresa è sempre possibile, come suggerito la settimana scorsa il gain al momento è consistente per cui prendere profitto non sarebbe male, tuttavia volendo tenere la posizione porrei stop profit a 1682 e target a 1610/20 per rientrare short sull'ipotizzato rimbalzo.

Infine gli indici europei C'è da dire che si sono mantenuti forti e l'Italia più di tutti nonostante la debolezza americana. Ho sentito per televisione un gestore commentare in merito "perchè l'Italia salga Dio solo lo sa", che qualcuno di tanta esperienza non sappia che pesci prendere è di parziale consolazione. Personalmente ho due teorie, ricordate quando qualche settimana fa l'Italia scendeva a dispetto delle performance positive di tutti gli altri indici, credo che abbiano tentato di shortare il nostro mercato come l'anno scorso, ma a un certo punto abbiano realizzato che le condizioni non lo permettevano e siano scattate le ricoperture, gli scarsi volumi del periodo estivo han fatto il resto. E' possibile anche che ci sia una rotazione dall'America all'Europa, ma questa idea non mi convince molto. In ogni caso le chiacchiere servono a poco e bisogna prendere atto della situazione negativa dello short sull'Italia. Poichè L'Italia non è il solo indice europeo a performare bene (direi che fa eccezione solo il DAX che potremmo vedere più parallelo agli USA) guardiamo il CAC per vedere se possiamo trarre qualche conclusione, in quanto il suo comportamente è stato sicuramente più lineare del nostro indice.

Sul CAC i movimenti sembrano più regolari e mi attenderei un prossimo target a 4250/300 il che significa una altro 4/5% di rialzo

Il fib venerdì ha rotto anche il precedente massimo (Mario non ti posso pubblicare, ma sono d'accordo) facendo cadere molti conteggi ribassisti, ormai posso solo dire che al di sopra di 17945 si aprono spazi fino a 21/22000

domenica 11 agosto 2013

Sp500 fib bund etc 12-8-13

Questa settimana, ha visto un allungo del solo indice Italiano, che ormai si è portato vicino al punto chiave dei 17300/500, anche l'EUR-USD ha allungato un pochino portandosi in prossimità di 1.3415, in fondo non c'è niente di nuovo, come nulla di nuovo abbiamo visto sul bund e sugli indici americani. Sullo sp500 giovedi ho "chiamato" uno short sul future quando era a quota 1689 con stop 1697 ( il 1697 corrisponde al 1701 dell'indice che è stato ritoccato ma non superato), come si vede dal grafico potrebbe essere in formazione questo conteggio ribassista, ma l'alternativa (ALT IV) è un nuovo allungo verso 1725/30 per cui lo stop sia rigoroso. I supporti robusti da superare sono a quota 1680 e 1670 future.

Un appunto su ISP e Uc che hanno superato la resistenza indicata la settimana scorsa, ma che potrebbero ancora configurare il seguente conteggio ribassista

Infine l'argento, è passato parecchio tempo ma non ha voluto saperne di raggiungere i 18, inoltre ho appena avuto un segnale di rialzo, il che mi ha indotto a rivedere il conteggio come segue, aspettandomi nel breve il target dei 23/23.5

domenica 4 agosto 2013

Fib sp500 bund 3-8-13

Questa settimana cominciamo dal bund che è un po' più semplice. Premettiamo che tutte le obbligazioni sono da vendere o shortare, danno ormai rendimenti ridicoli. Il bund si è comportato come da attese rintracciando quasi fino ai 143.5 indicati, ha poi rotto il minimo a 142, ma l'immediato recupero mi fa venire qualche dubbio sulla variante indicata. Presumendo che debba scendere e che abbia ormai già fatto il suo top assoluto, di ciò sono abbastanza convinto, si pongono due possibilità:

- il conteggio seguito finora, per cui l'immediato recupero degli ultimi giorni sarebbe un'espansione al ribasso, in tal caso anche il precedente 143.4 fatto non dovrebbe essere ritoccato, si potrebbe entrare short subito con stop 143.4 oppure al break della linea rossa a 141.6 che confermerebbe l'espansione e il ribasso

- la possibile alternativa è che il picco a 144.5 sia stato solo onda A di 2, con B a 141.6 dovremmo avere la C e conclusione della 2 in zona 145/5.5 dove entrare short con stop sul massimo assoluto.

Sull'EURUSD c'è poco da dire finchè resta sotto 1.34 resta valido il conteggio in corso da settimane

Passiamo all'indice nostrano, devo dire che mi ha colpito in particolare che sulla notizia della condanna inflitta al Silvio non ci sia stato un effetto ribassista, se ci fosse in corso un attacco speculativo all'Italia, come pensavo qualche giorno fa, che cadesse il governo o meno, avrebbero colto l'occasione per provocare degli scatafasci invece una chiusura in pari, per di più con Mediaset e Mediolanum che ne han risentito pochissimo, fa del tutto escludere questa possibilità. Tuttavia non ci sono elementi per un conto diverso salvo il break dei 17500 e in quest'ottica anche un arrivo sui 17300 sarebbe possibile, magari dopo una correzione sui 16000. A guardare il grafico, salvo un piccolo allungo di onda 5, il conteggio proposto la scorsa settimana non cambia. Mi è sovenuta una possibile alternativa di medio periodo circa un'onda 2 in formazione come ABCDE che ho segnato in verde, che cmq all'atto pratico non cambia nulla perchè chiama sempre un target sotto 14700 anche se non quel crollo a 13000.

Vediamo ora gli indici americani: Innanzitutto stabiliamo un punto, il trend principale è al rialzo, ho visto in giro conteggi che vedono un gigantesco abc partito dai minimi, per quanto mi riguarda questa possibilità è venuta meno con la rottura del massimo storico, se rompe il massimo è impulsiva e quindi in 5, su questo non ammetto discussioni. Ragion per cui sono andato un po' a rivedere il conteggio di lungo termine che quindi vedrei così:

Ora per quanto riguarda l'onda corrente, dovremmo essere in una 5 di un'espansione il target ideale di questa si pone a 1740 (indice)

tuttavia, affinchè si possa raggiungere la zona 1730/40 quest'ultima sottoonda dovrebbe espandere più o meno così

ma sappiamo che le 5 finiscono un po' dove vogliono loro, per cui non si può escludere che invece sia già terminata in questo modo

Insomma a breve se non subito dovremmo avere una correzione verso 1550/1600

In tal senso un ritorno a breve verso i 14700 del nostro indice collimerebbe perfettamente.

Anche per i titoli del nostro paniere non è cambiato molto:

Saipem ha allungato un pochino

PMI sembra avere già reiniziato la discesa

MPS non avevo notato quanto fosse stata negativa ultimamente nonostante l'indice in progresso

Infine ISP (e faccio presente che UC ne sembra la fotocopia) è arrivata in prossimità della forte resistenza a 1.48 (4.4 per UC) Se non la supera, l'ipotesi di un ABCDE già vista sull'indice potrebbe calzare perfettamente.